Polo Nord senza ghiaccio entro il 2050, simulazioni catastrofiche

Polo Nord senza ghiaccio, le previsioni degli esperti sono davvero catastrofiche. Gli ultimi studi disegnano una situazione davvero disastrosa.

Polo Nord Orso
Polo Nord Orso (Via Pixabay)

Il coronavirus sta facendo comprendere agli umani, tra le altre cose, anche il loro impatto sulla Terra. Le industrie, i motori delle auto, le emissioni di ogni tipo, l’inquinamento. Sempre di più, data la quarantena, vediamo le strade di alcune importanti città italiane e non solo che diventano deserte. E la natura, piano piano, cerca di riappropriarsi di quelle zone. Un gruppo di cervi, dei delfini sulle coste. Sembra quasi che il pianeta voglia assicurarsi se siamo ancora qui, data questa improvvisa ed inaspettata pausa nella nostra corsa all’autodistruzione. Ed infatti la natura appare confusa, ma pare che questo stato di cose sia destinato a finire presto. L’uomo è già pronto, infatti, a ritornare alla sua vita, con tutto ciò che comporta.

Polo Nord senza ghiaccio entro il 2050, simulazioni catastrofiche

L’inquinamento tornerà ad aumentare ed il pianeta ritornerà a soffrire. Secondo uno studio fatto da alcuni scienziati di 21 istituti riunitisi sotto la Fondazione Cmcc Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici, il Polo Nord avrebbe gli anni contati. Tenendo conto dell’attuale inquinamento, infatti, gli scienziati hanno fatto delle simulazioni. Ben 40 e nella maggioranza di queste, l’Artico si scioglie prima del 2050. Una situazione assolutamente disastrosa, che deve spingerci a riflettere. La vita sui ghiacci ed anche sulle nostre coste potrebbe distruggersi e cambiare per sempre. L’orso polare e tante altre specie dipendono dal nostro sforzo.

LEGGI ANCHE —> Cina, medici contagiati dal Covid-19 cambiano colore della pelle