Covid-19, studentessa bloccata a Madrid: taxi la riporta gratis in Italia

Covid-19, studentessa bloccata a Madrid: taxi la riporta gratis in Italia. La ragazza, in Erasmus in Spagna, era stata respinta all’imbarco del volo all’aeroporto Barajas

Ragazza italiana torna in taxi da Madrid
Covid-19, studentessa bloccata a Madrid: taxi la riporta gratis in Italia (Foto: Getty)

Un giovane tassista spagnolo, Kepa Amantegi, la settimana scorsa ha percorso altruisticamente 3.700 chilometri per riportare in Italia una giovane studentessa italiana, bloccata in Spagna da settimane. Giada Collalto, 22 anni, laureanda in Lingue per il commercio internazionale, era a Bilbao in Erasmus dai primi di febbraio. Aveva provato a rientrare in Italia, a Montebello (Vicenza), tramite un volo da Madrid, ma era stata respinta all’aeroporto Barajas proprio prima dell’imbarco.

A quel punto il giovane tassista, contattata da un amico, si è reso disponibile di effettuare il viaggio di rientro (oltre 1.500 km) senza spese aggiuntive. Di solito sarebbe costato 700 euro, ma la studentessa ha pagato solo benzina e caselli.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid-19: l’appello dell’Unesco per gli studenti sprovvisti di pc

Covid-19, studentessa bloccata a Madrid: taxi la riporta gratis in Italia

Aeroporto Barajas Madrid
Covid-19, studentessa bloccata a Madrid: taxi la riporta gratis in Italia (Foto: Getty)

Non solo. Il tassista di Bilbao, si era preso cura della ragazza dopo la sospensione dell’attività universitaria e la chiusura degli alloggi, ospitandola in famiglia a casa sua per diversi giorni.

Poi, come da lui stesso raccontato, “giovedì abbiamo fatto tutti i documenti per viaggiare in Italia e venerdì eravamo già per strada”. 

La ragazza ha voluto sottolineare la gratitudine per l’assistenza ricevuta in un momento davvero complicato, in cui l’emergenza coronavirus in Spagna ha raggiunto picchi persino peggiore del nostro Paese. 

Kepa si è preso a cuore la mia situazione vedendo che ero davvero disperata, compiendo un gesto di generosità pazzesco. Non ha voluto nulla se non le spese vive, il minimo. Alla fine di questa emergenza gli esprimeremo ancora meglio la nostra riconoscenza sia a Bilbao che qui in Italia, se vorrà tornare“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Spagna: prove di ripartenza, al via la fase 2