Coronavirus, donna incinta curata con il plasma: è il primo caso

Coronavirus, Patrizia Vincenzi, 28 anni, è il primo caso al mondo di donna incinta guarita con la cura del plasma: “Sono rinata”.

Cure Coronavirus Brescia
Donna incinta curata con plasma (Getty Images)

“Il plasma mi ha fatto rinascere”, queste le parole, espresse con gioia, da Patrizia Vincenzi. Infatti, come riporta Tgcom24, Patrizia, 28 anni, è il primo caso al mondo di donna incinta guarita mediante la cura del plasma. La cura è avvenuta all’ospedale di Mantova, dove, dopo 13 giorni di ricovero, Patrizia ha potuto far ritorno a casa, con in grembo un feto di 24 settimane.

I medici dell’ospedale di Mantova hanno curato Patrizia attraverso l’utilizzo di due sacche di plasma iperimmune, prelevato da pazienti precedentemente guariti. L’Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Mantova, come riporta Tgcom24, ha effettuato una ricerca secondo cui non esistono altri casi di donne incinta curate con l’infusione dell’emocomponente.

Leggi anche >>> Coronavirus, 107.709 positivi e 24.648 morti in Italia: le ultimissime – DIRETTA

Guarita dal Coronavirus con l’iniezione di plasma iperimmune

Coronavirus
Coronavirus: donna incinta curata col plasma(Getty Images)

Patrizia, come riporta Tgcom24, era entrata in ospedale, a Mantova, lo scorso 9 aprile. I medici hanno immediatamente attuato il percorso di cure Covid per donne in gravidanza. Le sue condizioni di salute sono peggiorate dopo qualche tempo e i medici hanno deciso di trasferire Patrizia al reparto di Pneumologia, evitando però la ventilazione assistita per cercare di proteggere il feto.

I miglioramenti, come ha riferito il direttore di Pneumologia dell’ospedale mantovano, Giuseppe De Donno, si sono verificati a seguito della terapia del plasma. A seguito di tale terapia, il miglioramento delle condizioni cliniche di Patrizia è stato importante.

La cura del plasma è stata definita “incoraggiante” all’ospedale mantovano e ad esprimersi sull’accaduto è stato anche Luca Richeldi, direttore del reparto di Pneumologia del Policlinico Gemelli di Roma. Le sue parole, riportate da Tgcom24, fanno capire come ci sia speranza che la sperimentazione su questo tipo di cura, condotta a Mantova, possa portare buoni risultati.

Potrebbe interessarti anche: Covid-19, dossier Forza Italia: “Seconda ondata a inizio 2021”

F.A.