Bollette energia, niente stop ai pagamenti: spiegato il motivo

Nessuna sospensione al pagamento delle bollette di energia elettrica ed a spiegare il perché è l’ad di Repower Fabio Bocchiola

coronavirus Bollette

In queste settimane di lockdown milioni di italiani in difficoltà economiche si sono chiesti se le bollette venissero sospese, ma sino ad ora la situazione non appare ancora chiara. Per quel che riguarda l’energia elettrica, a fare il punto della situazione è l’Ad di Repower, Fabio Bocchiola“I consumi dei nostri clienti calano del 45% circa però la sospensione dei pagamenti sarebbe ingiusta. Lo Stato deve farsi carico della quota di bolletta di cui è direttamente responsabile”.

Si parla poi delle misure previste dal decreto legge di aprile, di cui siamo ancora in attesa, che potrebbero includere sconti in bolletta. Per Bocchiola il discorso è semplice. “Noi fatturiamo tra 70 e 80 milioni al mese dalla vendita di energia, sui quali facciamo margini al 2 per cento. C’è una quota importante di costo dell’energia, ma il 60% di quel che incassiamo da una bolletta non è nostro. Parliamo, infatti, di accise, Iva, oneri di sistema. Se passasse un decreto che congela le bollette, in due mesi andremmo in difficoltà”.

Una sospensione completa vedrebbe le compagnie energetiche in una posizione di mezzo. Questo perché, in quel caso, dovrebbero versare gli oneri di sistema pur non incassando soldi dalle bollette.

Bollette energia, ecco quale sarebbe la possibile soluzione

Bollette luve bonus sociale
Energia elettrica, nel 2020 si inizia al risparmio (via Websorice)

Fabio Bocchiola proporrebbe allo Stato di intervenire direttamente sulle voci che lo riguardano direttamente, come le accise e gli oneri, sospendendoli oppure trasferendoli alla fiscalità generale. Ad ogni modo resta positivo per il futuro che, soprattutto dopo il vaccino, si prospetta roseo. Si tornerà infatti ad una normalità, nonostante ferite pregresse, e ci sarà l’opportunità di occupare le posizioni nella scacchiera di chi in precedenza non avrà saputo adeguarsi ai nuovi dettami produttivi.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, rincari per le vacanze: solo i ricchi andranno a mare