Coronavirus Bologna, atti osceni alla finestra guardando un’infermiera

Coronavirus Bologna, un indiano è stato denunciato per atti osceni alla finestra ripetuti ai danni di un’infermiera. La reazione della moglie è da Oscar.

Bologna arrestato infermiera
Bologna, arresatato per atti osceni verso un’infermiera (Websource)

Coronavirus Bologna, l’ultima denuncia arrivata ai carabinieri rasenta l’assurdo anche se la vicenza è assolutamente vera. Un cittadino indiano è statio denunciato dai militari per atti osceni, visto che da tempo aveva messo nel mirino una vicina di casa.

L’uomo, secondo la denuncia presentata dalla ragazza, da diversi giorni aveva cominciato ad affacciarsi dalla finestra quando lei rientrava. E nel farlo, si masturbava in direzione dell’appartamento della ragazza. Lei oltre tutto fa l’infermiera in un ospedale emiliano e quindi in questo periodo è doppiamenmte sotto stress per affrontare il Coronavirus.

Prima la ragazza ci è passata sopra, ma visto che la cattiva abitudine del vicino continuava, ha sporto denuncia. Si è rivolta ai carabinieri della stazione Bologna Indipendenza e i militari hanno verificato come i fatti raccontati corrispondessero a verità. La sera l’assurdo ammiratore faceva il suo spettacolo e poi le indirizzava anche bacini dalla finestra.

Quando i militari sono arrivati davanti alòsuo portonoe inchiodandolo alle sue responsabilità, l’indiano ha subito ammesso tutto. Era presenta anche la moglie, che proprio ignara del fatto non era. Anhe perchè la sua reazione è stata da premio: prima gli ha dato del cretino, come rifesrice il rapporto dei carabinieri. E poi l’ha sgridato: “Ti avegvo detto più volte di smetterla, ma tu non mi hai dato retta”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid: fermato, si finge infermiere e deride i carabinieri, denunciato

Bologna, dramma sulle colline sette suore domenicane morte per il Covid

 

Bologna Coronavirus suore
Coronavirrus Bologna, dramma in un convento di suore (Getty Images)

Bologna però sta vivendo anche un dramma vero legato all’emergenza provocata dal Covid-19. Nel convento Beata Imelda, sulle colline del capoluogo, indatti sono morte ben sette suore domenicane. Tutte erano state colpiote da Coronavirus, come hanno accertato i tamponi.

Secondo l’edizione locale de ‘Il Resto del Carlino’ i sintomi sarebbero comparsi ai primi del mese di aprile. In tutto nel convento sono presenti 43 suore e diverse di loro hanno un’età superiore agli 80 anni. In tutto sono 17 quelle colpite dal virus e nel frattempo  l’Usl locale ha provveduto a sanificare gli ambienti del convento, Ma ha anche avviato accertamenti per fare chiarezza sull’origine dell’infezione e su come abbia potuto provocare un contagio così diffuso.

Una delle ipotesi, ancora comunque da verificare, è che il contagio possa essere arrivato dall’esterno. Magari da un portatore asintomatico che in quel periodo è entrato in contatto con le religiose. Oppure da un operatore sanitario che ha avuto a he fare con loro. In ogni caso le suore sono state tutte sottoposte al tampone. Per alcune l’esito è stato negativo mentre per altre è stata accertata la positività al Covid-19. In ogni caso dall’inizio dell’emergenza sanitaria nel convento erano state introdotte tutte le misure di sicurezza. Non sono bastate però per salvare la vita delle sette consorelle.