Coronavirus, verso la fase 2: le mamme hanno la peggio

0

Coronavirus che si avvia verso la fase 2 in Italia, ma le mamme partono svantaggiate

Coronavirus mamme
(Pixabay)

Nulla è più come prima. Il Coronavirus ci ha tolto le abitudini, la quotidianità, la normalità e le mamme lo sanno. Intanto che ci avviamo verso la fase 2, in Italia, è ora di fare un resoconto. Dal momento in cui le attività riapriranno – man mano e non tutte insieme – i bambini, ragazzi, resteranno comunque a casa. E’ stato infatti confermato che, fino a Settembre, non si tornerà a scuola.

A causa di ciò, uno dei due genitori dovrà rinunciare al proprio posto di lvoro per far fronte all’emergenza e restare a casa con figli minorenni. Chi dei due? Chiaro, quello con il salario più basso, la mamma. Perché sì, in Italia c’è ancora disparità di salario per sesso. Ecco perché la richiesta è di elaborare, certamente, una fase 2, ma che tenga in considerazione anche questo tipo di fattori e portare nidi, asili, scuole, a creare attività ludiche laddove possibile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Coronavirus: si valuta possibilità di allenarsi lontano da casa

Coronavirus, al via la fase due: svantaggi per mamme e…

Blocco spostamenti tra Regioni
Coronavirus, spostamenti vietati tra Regioni all’inizio della “Fase 2” (Foto: Getty)

La fine del lockdown con la conseguente partenza della “Fase 2” potrebbe però lasciare delle limitazioni importanti negli spostamenti. Secondo il piano previsto dalla task force governativa si dovrebbe vietare per due settimane il viaggio tra Regioni italiane. Quindi dal 4 al 17 maggio non sarebbe possibile lasciare il proprio comune per raggiungerne un altro in una Regione vicina. Quattordici giorni di ulteriore blocco per venire incontro alle richieste dei governatori (soprattutto del Sud) che sono preoccupati da un possibile peggioramento della propria condizione sanitaria una volta che si potrà tornare ad uscire.

Il Governo sta valutando la misura per estendere il limite allo spostamento sul territorio nazionale. Il tutto dipenderà anche dalla curva epidemiologica e dagli sviluppi dei prossimi giorni. Non è escluso che qualora venisse registrato un peggioramento all’inizio della “Fase 2” questo periodo possa essere allungato oltre le due settimane. 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui