Coronavirus, al San Raffaele tamponi a pagamento: l’accusa del Pd

0

Secondo quanto riferito dal Pd, al San Raffaele di Milano privati e aziende possono accedere a tamponi a pagamento per verificare positività al Coronavirus

coronavirus tamponi
Membro del Pd ha accusato l’ospedale San Raffaele di sottoporre pazienti a test del tampone a pagamento (Getty Images)

Da quando è scoppiata la pandemia del Coronavirus, una crisi economia e sanitaria senza precedenti sta colpendo tantissimi Paesi di tutto il mondo. I Governi dei territori maggiormente colpiti hanno indetto misure restrittive che hanno, di fatto, bloccato l’economia. Anche a livello sanitario, a causa dell’elevatissimo numero di casi registrati nel breve periodo, le strutture ospedaliere sono arrivate all’orlo del collasso.

Uno dei temi che ha fatto maggiormente discutere riguarda il noto test del tampone, per verificare se si è o meno positivi al Covid-19. A causa dell’enorme richiesta, questi sono presto diventati quasi introvabili, non venendo spesso sottoposti neppure al personale sanitario. Nelle ultime ore, Samuele Astuti del Pd ha lanciato una pesante accusa rivolta all’ospedale San Raffaele di Milano, il quale sottoporrebbe aziende e privati al tampone a pagamento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, avvocato contro Conte: “Decreti incostituzionali, morti veri solo 716” 

Tamponi a pagamento: l’accusa di Astuti del Pd

coronavirus tamponi
Coronavirus e tamponi a pagamento: l’accusa di Astuti (Getty Images)

Secondo quanto detto da Samuele Astuti, membro del Pd, ciò che succederebbe all’ospedale San Raffaele di Milano ha dell’incredibile: tamponi a pagamento. Mentre persone con gravi sintomi o operatori sanitari spesso non vengono sottoposti al test, ci sarebbe un mercato di test a pagamento rivolti a privati e aziende. “Si tratta di una sorta di far west” spiega Astuti, che aggiunge: “Gallera ha dichiarato che non questo è impossibile, ma come mai succede comunque?“.

Ma non solo. Il membro del Pd ha anche alzato l’ipotesi che: “l’aver limitato il numero di test potrebbe essere una scelta voluta della Regione Lombardia“. In un momento così delicato, con una “fase 2” in programmazione dal parte del Governo, i tamponi diventano fondamentali per mappare il più precisamente possibile i contagiati. Intanto, LeU sta preparando un’interrogazione parlamentare rivolta al ministero della Salute, per fare chiarezza sulla vicenda.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, Guerra dell’Oms: “Inevitabili dei nuovi focolai”

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui