Pres. Piemonte: “La scienza confermerà se 4 maggio è la data giusta”

Coronavirus: il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, si è espresso in merito a eventuali riaperture del Paese.

Il presidente del Piemonte Alberto Cirio
Il presidente del Piemonte Alberto Cirio (Getty Images)

Alberto Cirio, governatore del Piemonte, ha espresso la sua opinione circa l’eventuale riapertura per la data del 4 maggio. Come riporta Skytg24, il governatore nell’ambito di un’intervista rilasciata a Uno Mattina, ha sostenuto che le autorità dovranno farsi trovare pronte per quella data. Ma “Sarà la scienza a confermare o meno quella data per l’eventuale riapertura”. Ciò che il presidente della Regione ha tenuto a precisare, però, è che le scelte adottate fino a questo momento stanno dando i loro frutti. Dice infatti Cirio che “La linea adottata con rigore dall’Italia, si è rivelata giusta”.

Il presidente della Regione Piemonte ha anche parlato di una duplice “fase 2”. Come riporta Skytg24, secondo Alberto Cirio ci sarà una seconda fase per l’economia, ma allo stesso tempo ci sarà una seconda fase anche per la sanità. Le sue parole parlano infatti di un’apertura di una medicina territoriale, utile non solo per il Coronavirus, ma per tutto.

Leggi anche >>> Coronavirus, 106.607 positivi e 22.170 morti in Italia: negli Usa 4.591 decessi – DIRETTA

Coronavirus: in Piemonte numero elevato di campioni

Coronavirus in Piemonte
Coronavirus (photo Gettyimages)

Come riporta Skytg24, il presidente del Piemonte si è espresso anche in merito all’alto numero di contagi nella Regione. I dati registrati, infatti, mostrano un elevato numero di contagi per il Piemonte, ma Cirio ha confermato che “la Regione sta effettuando oltre cinquemila campioni al giorno”. Il Piemonte sta inoltre verificando le situazioni in tutte le strutture, soprattutto quelle che ospitano anziani.

Il presidente ha tenuto poi a precisare che nella Regione Piemonte, di cui è presidente da meno di un anno, ha trovato punte d’eccellenza e che la Regione non ha mai dovuto scegliere chi curare e chi no. Ad ogni modo, sarà importante ripartire con una fase 2 che riguarderà non esclusivamente l’economia, ma anche la gestione sanitaria.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, 106.607 positivi e 22.170 morti in Italia: negli Usa 4.591 decessi – DIRETTA

F.A.