Coronavirus Torino, la spesa smart costa una multa: il caso a Borgaro

Con il Coronavirus in molti scelgono una spesa smart ed a Torino spunta un caso. Un uomo è stato multato per aver ritirato la spesa fuori dal suo comune.

Coronavirus Torino
Multato per aver ritirato la spesa smart al di fuori del comune (Getty Images)

Doveva essere la solita spesa per un uomo di Borgaro, provincia di Torino ed invece è arrivata una salatissima multa. L’uomo in questione è Angelo L. un cittadino di 33 anni che come ogni mattina aveva ordinato online la spesa nel supermercato più vicino.

Stavolta nella lista della spesa c’erano anche gli alimenti per la nonna di 98 anni, ma ad alla polizia locale non è importato ed ha comunque multato l’uomo per ben 500 euro. Infatti l’uomo fermato dalle forze dell’ordine si trovava fuori dalla sua abitazione di Torino per andare a ritirare la spesa ad un noto centro commerciale di Caselle Torinese, senza rispettare le regole imposte dall’emergenza Coronavirus.

Coronavirus Torino, la Polizia locale è intransigente: uomo multato di 500 euro

Coronavirus Torino
La spesa smart gli vale una multa, il caso a Torino (Getty Images)

Così Angelo, come ogni settimana, era pronto per andare a ritirare la propria spesa al supermercato di Caselle Torinese. ma stavolta sulla sua strada si è presentata la Polizia Municipale di Borgaro. Gli agenti in questione sono stati intransigenti.

Angelo, che nella vita è un operaio di logistica, ha spiegato ai microfoni di aver mostrato anche la mail di conferma per il ritiro della spesa, ma gli agenti gli hanno risposto che non poteva uscire da Torino. Per l’operaio però la spesa è un bene necessario, visto che convive con tre figli e la commissione non è facile.

L’operaio ha spiegato di aver cercato di far capire ai vigili l’assurdità della situazione. Infatti all’uomo non sono stati concessi i sei minuti per ritirare la spesa ma gli è concesso attraversare Torino, impiegando addirittura più tempo per ritirare la spesa.

Adesso l’operaio ha deciso di rivolgersi all’avvocato del Codacons, nel tentativo di revocare la salata multa imposta dalla Polizia Municipale di Borgaro.

L.P.

Per rimanere sempre aggiornato sulle notizie di Cronaca, CLICCA QUI !