Contact Tracing, l’esperto spiega cos’è e come funziona – VIDEO

Il coronavirus continua a far destare preoccupazioni ed a creare ansia. In particolare le ultime notizie sull’ormai famoso “Contact Tracing” stanno spaventando in tanti.

Contact Tracing
Contact Tracing

Saremo tracciati e rintracciabili? Il Contact Tracing porrà fine alla privacy? Molti temono che con questa nuova tecnologia le multinazionali come Apple e Google potranno controllarci come fa il coverno in Cina, e si sentono messe a rischio. L’esperto di tecnologia Matteo G.P. Flora ci aiuta a comprendere meglio la questione con un video.

Cos’è il Contact Tracing? Il Contact Tracing non il test per dire se hai o meno il COVID-19 e non è il lasciapassare. Ma è un sistema che determina chi ha interagito con te e chi avresti potuto infettare. Quindi lo scopo e avvisare chi potrebbe essere infetto in seguito ad interazioni con una persona a sua volta infetta. Il tutto in modo assolutamente anonima, quindi nessuno saprà chi ha infetto chi.

LEGGI ANCHE —> Coronavirus, bollettino Protezione Civile: “962 guariti, 578 morti”

Contact Tracing, l’esperto spiega cos’è e come funziona – VIDEO

Come funziona? Dovrebbe funzionare tramite bluetooth . Il GPS ed il WIFI non sono mezzi funzionali per questo scopo. Ma il bluetooth di Apple e Samsung, ad esempio, non possono interagire. Ora Google ed Apple stanno cercando di creare un software per far diventare compatibili tutti i dispositivi. A quel punto chi ha il coronavirus, e riceve la conferma tramite tampone ecc, dovrebbe avere il compito di inviare un messaggio tramite app. Difficile prevedere con quali modalità (codice, identificazione d’impronta ecc) per avvertire tutti i contatti che secondo il sistema possono essere in pericolo.

Ci sarà la privacy? Le informazioni sugli spostamenti individuali e tutte le informazioni sensibili, tra i quali la mia identità, dovrebbero pertanto restare private. La piattaforma dovrebbe soltanto elaborare gli spostamenti ed avvertire chi ha interagito con chi è risultato malato per avvertirli di fare dei tamponi ed isolarsi.