Coronavirus, Fmi avvisa: in arrivo la peggior recessione dal 1930 

Coronavirus, seguiranno drammatiche conseguenze anche sul piano economico. Come infatti riferisce l’Fmi, si rischia di andare incontro a una recessione ancor più grande della Grande depressione degli anni Trenta. 

Borsa
Per la Cina l’impatto del virus sull’economia è limitato (via Pixabay)

Il coronavirus avrà conseguenze apocalittiche non solo sui sistemi sanitari mondiali, ma anche su quelli economici. A ribadirlo quest’oggi è il Fmi, fondo monetario internazionale, il quale avanza anche un’inquietante previsione a proposito dello scenario mondiale.

Coronavirus, l’impatto sull’economia mondiale

Secondo quanto infatti riferisce l’agenzia, nel 2020 il Pil calerà del 3%. Ovvero di 6,3 punti totali percentuali in meno rispetto alle stime di gennaio. Un crollo devastante, il che porta il Fmi a definire quella che verrà una recessione peggiore anche della Grande depressione degli anni Trenta.

Tuttavia, riferisce sempre il Fmi, potrebbe esserci una via di uscita per evitare di sprofondare nel baratro. E questa corrisponde a una pandemia svanita nella seconda metà dell’anno: se questo dovesse in qualche modo accadere, secondo le previsioni del Fondo, ci sarà allora un Pil in crescita del 5,8% per il 2021.

Potrebbe interessarti anche —-> Coronavirus, in Gran Bretagna positivo 1/3 del personale sanitario testato 

Ma se le cose non dovessero andare per il meglio, l’Italia sarà tra i Paesi più travolti da questo tsunami devastante. Secondo le stime, infatti, il Bel Paese vedrà crollare il proprio Pil del 9,1%. Una caduta libera che porterebbe il nostro paese tra i peggiori Paesi d’Europa diventando anche il fanalino di coda del G7. Solo la Grecia, con un Pil in passivo del 10%, farebbe peggio.

E non finisce qui: il tasso di disoccupazione in Italia toccherebbe addirittura il 12,7% rispetto al 10,0% dello scorso anno. Una situazione che porterà a una perdita complessiva del Pil mondiale pari a quasi 9 miliardi di dollari tra il 2020 e il 2021. Più del valore complessivo delle economie unite di Giappone e Germania tanto per rendere l’idea. Insomma, un disastro di proporzioni titaniche.