Serie A, ripresa campionato: ecco l’annuncio del presidente Federcalcio

0

“In questo momento non ha senso essere ottimisti o contare sulle aspettative, dobbiamo fare i conti con quella che è la realtà dei fatti” dice il presidente della Federcalcio Gabriele Gravina.

coronavirus gravina
Il presidente della FIGC Gravina apre ad un’altra ipotesi (Getty Images)

Nelle prossime ore il presidente della Federcalcio tornerà a incontrare i responsabili dell’Istituto Superiore della Sanità per avviare uno studio di fattibilità sulla ripresa della Serie A e ha in programma alcune conf call con i vertici della Fifa.

LEGGI ANCHE > I numeri del bollettino di ieri della Protezione Civile

Gravina “A maggio sapremo”

La prima scadenza è il 4 maggio, quando l’ultimo DPCM di Conte in teoria sarà scaduto e andrà ricontestualizzato con nuovi provvedimenti. Se la cosiddetta Fase 1 non sarà ancora considerata conclusa le restrizioni saranno ancora molto forti e dunque ipotizzare la ripresa di un evento che coinvolge tutto il paese come il massimo campionato sarebbe quanto meno prematuro.

Il presidente di Federcalcio Gravina lo sa e non si illude: “La nostra idea è semplice, finire i campionati non appena si creeranno le condizioni per poterlo fare. Non c’è una scadenza e non ci sono tempi più o meno lunghi, esiste solo un’analisi della situazione epidemiologica alla quale il nostro paese dovrà adeguarsi, e questo non riguarda solo il calcio o lo sport ma tutta l’attività del paese”.

LEGGI ANCHE > A Palermo una grigliata sui tetti per sfuggire ai controlli

Gravina: a maggio? Possibile

Che la Serie A possa tornare già a maggio è possibile. Ma poco probabile. Significherebbe via libera agli allenamenti per tutte le squadre, dalle aree più colpite come Torino, Milano, Bergamo, Veneto, Genova, Toscana ed Emilia fino al sud. Anche se si ipotizzasse di riprendere a porte chiuse il margine di rischio per tutto l’ambiente calcio resterebbe alto. Le squadre dovranno comunque effettuare una nuova preparazione, un ‘richiamo’ dopo il lungo stop. E servirà anche del tempo per riattivare tutta l’indotto, in particolare quello dei media.

“Una procedura sul come ripartire c’è già dice il presidente di Federcalcio Gravina – e presto la comunicheremo. Inizieremo, mi auguro a inizio maggio alcuni controlli per garantire la negatività di tutti i soggetti coinvolti. Dunque non solo giocatori e tecnici ma anche dirigenti e personale al seguito delle squadre cui farà seguito una fase i allenamento”.

LEGGI ANCHE > Le visite di Pasquetta sono On Line

Scudetto
Calcio, scudetto ancora da assegnare: la Federcalcio attende che si torni in campo (Foto: Getty)

Niente vacanze forse solo la Serie A senza trasferte

I cittadini europei, come ha detto ieri il segretario dell’Unione Europea Von Der Layen, possono dimenticarsi le vacanze estive così come le hanno sempre fatte, ma forse gli italiani avranno almeno il calcio: “Potremmo giocare in estate, certo. Non abbiamo una scadenza, ma l’idea di partenza resta quella di completare i campionati”.

Una decisione in controtendenza rispetto a quella, per esempio della Federvolley, di annullare tutta la stagione appena conclusa per ripartire con le stesse squadre dello scorso anno al via degli stessi campionati anche per la prossima stagione, azzerando i risultati di questi ultimi mesi. Una decisione che ha scatenato non poche polemiche.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui