Coronavirus, librerie e cartolerie ancora chiuse in Lombardia: il motivo

0

Coronavirus, la Lombardia non si allinea con l’Italia dopo l’ultimo decreto. Malgrado quanto annunciato ieri dal Premier Giuseppe Conte, librerie e cartolerie resteranno chiuse. Ecco perché. 

Coronavirus
Il Duomo di Milano questa mattina (Getty Images)

Coronavirus, librerie e cartolerie resteranno chiusi in Lombardia malgrado il nuovo decreto nazionale. La decisione è di Attilio Fontana, presidente della Regione. Sarà possibile il commercio di libri e materiale da cartolibreria solo e unicamente negli ipermercati e nei supermercati ininterrottamente aperti.

Duomo di Milano
Duomo di Milano (photo Gettyimages)

Coronavirus, librerie e cartolerie chiuse in Lombardia

Al fine di evitare inutili assembramenti ancora nel pieno dell’emergenza, considerando anche la regione più afflitta tra tutte dal Covid-19, l’amministrazione locale ha così deciso di confermare le misure restrittive fino al 3 maggio ma derogando sull’apertura delle suddette attività.

Resteranno chiusi anche gli uffici professionali, i quali dovranno essere operativi in modalità smart-working salvo alcune rare eccezioni per questioni urgenti e sottoposte comunque a una scadenza breve. E malgrado le polemiche dilaganti, è stato confermato anche il decreto all’uso obbligatorio della mascherina.

Potrebbe interessarti anche —-> Coronavirus, Arcuri: “Serve responsabilità, saremo fuori pericolo solo col vaccino” 

Fontana che nel frattempo ha mandato il seguente messaggio alle istituzioni in vista della liquidità necessaria per i cittadini in difficoltà in questo periodo di emergenza: “Servono fatti, le famiglie lombarde non possono più aspettare.Regione Lombardia non aspetta lo Stato e – grazie a un accordo con banche e sindacati – anticipa la cassa integrazione ai lavoratori lombardi. Tra una settimana fino a un milione di cittadini potranno chiedere l’assegno. La Lombardia parla con i fatti”.

Conferenza stampa

In diretta da Palazzo Chigi

Pubblicato da Giuseppe Conte su Venerdì 10 aprile 2020

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui