Coronavirus, decessi sospetti: indagato il direttore del centro per anziani

Dopo la squadra investigativa mandata dal Governo, è indagato il direttore del centro per anziani 

Milano centro per anziani
(Facebook)

Siamo a Milano, al Pio Albergo Tivulzio, il centro per anziani più noto dove ci sono casi sospetti di decessi da Coronavirus. A tal proposito la stampa italiana aveva denunciato qualche incongruenza nei giorni passati: nella struttura solo nel mese di marzo, in piena emergenza sono morti 70 anziani. Soltanto nella prima settimana di aprile invece, i decessi ammontano a 30. Il sospetto è che, all’interno della struttura, siano stati nascosti casi da Covid-19 e la situazione gli sia sfuggita di mano, mettendo a rischio la vita degli ospiti e degli operatori.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Coronavirus, morto 15enne in Amazzonia: rischio sterminio degli indigeni

Indagato direttore del centro per anziani

Milano centro per anziani

Grazie a varie segnalazioni, il Ministro della Salute Roberto Speranza ed il suo vice Pierpaolo Sileri hanno ritenuto utile inviare una squadra di ispettori al Pio Albergo Trivuzio. Dal Governo vogliono approfondire da vicino la situazione nel centro per anziani più noto del paese, su cui sta già indagando la Procura di Milano. E’ stata infatti, aperta un’inchiesta per diffusione colposa di epidemie ed omicidio colposo.

Dopo pochi giorni il direttore del Pio Albergo Trivulzio, Giuseppe Calicchio, è diventato il primo sulla lista degli indagati per l’ipotesi di reato di epidemia colposa e omicidio colposo. Le indagini sono ancora in corso, nessun colpevole per adesso, ma la lista degli interrogatori è lunga ed è possibile che la colpa non sia imputabile ad un’unica persona.