Coronavirus, decreto Conte: le attività che potrebbero riaprire

Tra poco entrerà in vigore il nuovo decreto sul Coronavirus firmato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Le prossime misure potrebbero prevedere la riapertura di alcune attività

coronavirus decreto attività
Il premier Conte non vuole sbagliare i tempi (Foto: Getty)

Ormai siamo quasi arrivati alla Pasqua e al 13 aprile, data stabilità da Governo come termine della chiusura dell’Italia a causa del Coronavirus. Come vi stiamo raccontando, le misure restrittive proseguiranno per altre due settimane ed il lockdown sarà prolungato fino al 3 maggio. In queste ore è attesa l’ufficializzazione del nuovo decreto da parte del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che in mattinata aveva annunciato che nella giornata di oggi avrebbe parlato alla Nazione. Tutti gli italiani si chiedono da giorni se dal 14 aprile qualche attività potrebbe ripartire e le misure anti contagio in qualche modo leggermente allentate.

POTREBBE INTERESSARTI >>> MES, il premier Conte: “La mia posizione e quella del governo non è mai cambiata”

Coronavirus, nuovo decreto Conte: le attività che potrebbero ripartire dopo il 13 aprile

coronavirus decreto attività
(Pixabay)

Se è ormai certo che la chiusura del Paese sarà prolungata fino al 3 maggio, non è ancora chiaro che le misure attualmente in vigore possano essere allentate, soprattutto dal punto di vista lavorativo. Quali sono le attività che potrebbero riaprire dal 14 aprile? Secondo quanto scritto dall’agenzia di stampa ‘Ansa.it‘ la bozza del nuovo Dpcm, in fase di stesura in queste ore, dovrebbe confermare in linea di massima tutte le restrizioni in merito agli spostamenti e alle attività produttive. Ma con alcune eccezioni. Potrebbero, infatti, ripartire le attività commerciali di vendita di carta, cartone e articoli di cartoleria. Inoltre, possibile riaperture delle librerie e i negozi di vestiti di bambini e neonati. Ovviamente soltanto nel caso cui verranno garantite tutte le norme di sicurezza per evitare al massimo il rischio di contagio.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Brusaferro: “Segnali positivi, curva in decrescita”