Eurobond, no della Merkel: “Solidarietà all’Ue ma con altri strumenti”

La cancelliera tedesce Angela Merkel mette il punto sulla questione degli Eurobond con un nuovo e decisivo no

Angela Merkel

La Germania dice di nuovo ‘no’ agli Eurobond. La cancelliera Angela Merkel ha deciso di mettere un punto sulla questione. Queste le sue parole: “Voi sapete che io non credo che si dovrebbe avere una garanzia comune dei debiti e perciò respingiamo gli eurobond”. Poi, a sua modo di vedere, esistono altri strumenti per aiutare i paesi europei: “Su quali strumenti siano adatti ci sono diversi punti di vista. Ci sono molti modi per dimostrare solidarietà ed io credo che troveremo una buona soluzione”.

Ancora, afferma di aver parlato con il premier Giuseppe Conte: “Io ho parlato con Giuseppe Conte e siamo d’accordo sul fatto che serve con urgenza solidarietà in Europa in una delle ore più difficili, se non la più difficile. E la Germania è pronta per la solidarietà. Il benessere della Germania dipende dall’Europa e dal fatto che stia bene”.

No agli Eurobond, ecco quali sono i piani della Merkel

Gli strumenti di cui parla la Germania sono tre. Il primo è il Mes, detto anche fondo salvastati, che metterebbe a disposizione, insieme all’ampliamento del Bei ed al programma Sure, metterebbero a disposizione molti miliardi di euro. La cancelliera spera di raggiungere un accordo grazie a queste tre soluzioni.

“Siamo anche d’accordo sul fatto che ci debba essere un programma congiunturale Ue dopo la crisi”, afferma in conferenza stampa a Berlino e parla di un programma chiaro “di ricostruzione o di ripresa, nel segno dell’economia e dei posti di lavoro”.

Trovare un accordo per la Merkel sarebbe “semplicemente un bel segnale”.

Coronabond
Coronabond

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, il lockdown porta 47 miliardi di perdite al mese: i dati Svimez