CONDIVIDI

Matteo Salvini chiede di aprire le chiese per la Pasqua nonostante il Coronavirus: gli Imam italiani contro la proposta del leader della Lega

Salvini chiese imam
Salvini propone chiese aperte per Pasqua (photo Gettyimages)

Ha creato molte polemiche la proposta di Matteo Salvini, nei giorni scorsi, di voler tenere aperte le chiese il giorno di Pasqua, nonostante i divieti in vigore per il Coronavirus. Oltre alle proteste da parte di alcuni esponenti politici, è arrivata la riposta contraria da parte di alcuni Imam delle moschee italiane. Dalla Liguria alla Sicilia, passando per Roma e per la Calabria, il coro è pressoché unanime: “Dobbiamo pregare a casa, la vita delle persone viene prima di tutto“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Salvini: “Apriamo le chiese a Pasqua, serve l’aiuto di Maria”

Coronavirus, Salvini propone chiese aperte per Pasqua: la risposta degli Imam

Salvini chiese imam
Una moschea di Roma (Getty Images)

A quanto pare, la proposta di Salvini non ha trovato molti sostenitori, anzi. L’agenzia di stampa ‘Adnkronos‘ ha ascoltato alcuni esponenti della comunità religiosa islamica, tutti contrari alle affermazioni dell’ex Ministro dell’Interno. “Dio-Allah ci dice che la prima cosa da fare è tutelare la salute delle persone” afferma l’Imam della moschea di Roma Sami Salim. “Non possiamo mettere a repentaglio la salute e la vita delle persone, capisco le tradizioni, ma c’è a rischio la vita, è giusto chiudere“. Contrario al capo della Lega anche Jahya Pallavicini, vice-presidente del Coreis: “Tenere oggi una chiesa aperta potrebbe causare nuovi focolai difficili da tracciare, Salvini dovrebbe saperlo. Lui non fa politica, ma solo demagogia“.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, l’Italia chiude i porti ai migranti per motivi di sicurezza

Dio è ovunque, la vita delle persone non ha prezzo. Preghiamo rimanendo a casa e rispettando le regole” è l’opinione del capo della comunità islamica della Liguria Zargar, che poi attacca Salvini: “Lui prima voleva chiudere tutto, ora ha cambiato idea? Anche La Mecca e le nostre moschee sono chiuse“. Per l’imam di Catania Abdelhafid Kheit l’ex ministro starebbe facendo soltanto propaganda elettorale sulle pelle dei morti e lo definisce come “persona senza buon senso“. A Cosenza Jamal Ezzine spiega che tra 15 giorni comincerà il Ramadan e che se la situazione rimarrà questa le moschee rimarranno chiuse.

Tutti gli aggiornamenti sul CORONAVIRUS sul nostro canale TELEGRAM >>> https://t.me/covid19LiveINEWS24