Coronavirus, inchiesta sull’ospedale Alzano di Bergamo: il motivo

Coronavirus, inchiesta contro l’ospedale Alzano di Bergamo. Aperto un fascicolo per epidemia colposa a carico di ignoti. Pronto a far chiarezza anche un pool di pubblici ministeri. 

Coronavirus frecciarossa lodi
Tutti le coincidenze tra il Coronavirus e il treno deragliato a Lodi (Foto: Getty)

Coronavirus, la procura di Bergamo ha aperto un’inchiesta sull’ospedale Alzano per la gestione iniziale dell’emergenza sanitaria. E’ stato aperto nello specifico un fascicolo contro ignoti con l’ipotesi di epidemia colposa.

Sotto la lente di ingrandimento ci sono i primi giorni dell’emergenza sanitaria. Ovvero quando la struttura lombarda registrò i primi positivi e, malgrado ciò, riaprì il pronto soccorso poco dopo. Rischiando pertanto un effetto domino, ciò che probabilmente potrebbe essere avvenuto.

coronavirus africa
In Africa, la situazione Coronavirus potrebbe peggiorare di molto (Getty Images)

Coronavirus, pool per casi Covid-19 a Bergamo

Un errore che potrebbe aver innescato un primo effetto fionda, sul quale ora la procura vuole vederci chiaro. Così ieri e lunedì c’è stato un blitz dei Nas, i quali hanno perquisito la struttura requisendo poi alcuni documenti che verranno studiati.

Potrebbe interessarti anche —-> Coronavirus, lo studio sui casi di terapia intensiva in Lombardia

Il primo ricoverato fu un 84enne poi trasferito all’ospedale Papa Giovanni dove è deceduto, divenendo la prima vittima da Covid-19 nel bergamasco. E sempre ad Alzano era stato ricoverato un 83enne il giorno 15, con tampone risultato positivo il 23 febbraio.

Per far chiarezza su tutto ci sarà un pool di pubblici ministeri. I quale “si occuperà di tutta l’attività di indagine che riguarda l’epidemia di Coronavirus nella Bergamasca”. A riferirlo, ai microfoni dell’ANSA, è il procuratore della repubblica facente funzione di Bergamo Maria Cristina Rota. “Tutte le denunce, esposti con notizie di reato saranno affidati allo stesso team”, ha riferito.