Poste, accordo con i carabinieri per consegnare la pensione a casa degli over 75

Poste Italiane ed i Carabinieri hanno raggiunto un accordo per la consegna della pensione a casa delle persone che hanno superato i 75 anni

Poste Italiane, pensioni
Poste Italiane, pensioni

In tempi di coronavirus, Poste Italiane e l’arma dei carabinieri hanno raggiunto un accordo riguardo la possibilità di consegnare la pensione a casa ad alcuni cittadini. La convenzione, come spiegato con un comunicato, riguarda i pensionati dai 75 anni in su.

“Tutti i cittadini di età pari o superiore a 75 anni che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli Uffici Postali, che riscuotono normalmente la pensione in contanti, possono chiedere di ricevere gratuitamente le somme in denaro presso il loro domicilio, delegando al ritiro i Carabinieri”.

Nella nota si specifica anche che il servizio non sarà disponibile per coloro che hanno delegato già altre persone alla riscossione della pensione, che hanno un libretto/conto postale, che vivono con familiari

Poste, come funziona nel concreto la consegna della pensione

Carabinieri
Carabinieri (photo Gettyimages)

L’accordo che, oltre a dare un sostegno agli anziani, vuole tutelare anche i soggetti beneficiari da truffe e rapine. La nota di Poste Italiane spiega anche come funzionerà l’iniziativa: “I Carabinieri si recheranno presso gli sportelli degli Uffici Postali per riscuotere le indennità pensionistiche per poi consegnarle al domicilio dei beneficiari che ne abbiano fatto richiesta a Poste Italiane rilasciando un’apposita delega scritta. I pensionati potranno contattare il numero verde 800 55 66 70 messo a disposizione da Poste o chiamare la più vicina Stazione dei Carabinieri per richiedere maggiori informazioni”.

Per quel che riguarda la durata, sarà in vigore fino a quando non sarà terminata l’emergenza da Covid-19. L’accordo dovrebbe interessare circa 23 mila pensionati. 

Coronavirus Poste Italiane decreto

LEGGI ANCHE—> Sky, arriva lo sconto per gli abbonati Calcio e Sport