Coronavirus, in Spagna funerali consentiti ma con diverse limitazioni

La Spagna, uno dei Paesi più contagiati dal Coronavirus, consentirà la celebrazione dei funerali, ma in forma breve e con diverse limitazioni

Coronavirus spagna funerali
Funerale (Foto: Getty)

La Spagna, in poche settimane dall’arrivo del Coronavirus all’interno dei confini, rapidamente è diventato il secondo Paese con più casi al mondo. Oltre ai tantissimi contagiati (135 mila) e gli oltre 81 mila persone attualmente positive, ci sono anche 13 mila vittime. Al contrario di quanto accade in Italia, dove i funerali non sono consentiti, nella Nazione iberica si effettuano le celebrano le cerimonie funebri, ma con moltissime limitazioni. Funzioni brevissime, con pochi congiunti al seguito, nessuna possibilità di spostare la bara dal carro funebre.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Spagna allunga la quarantena fino al 26 aprile

Coronavirus, in Spagna funerali in forma ridotta: ecco come si svolge il rito

Coronavirus spagna funerali
Coronavirus, i Spagna funerali in forma ridotta (photo Gettyimages)

Sono giorni durissimi per la Spagna, che insieme a Stati Uniti e Italia sono alle prese con i numeri più gravi della pandemia di Coronavirus. Anche se il contagio, secondo gli ultimi rilevamenti, sembra avere una frenata, le vittime sono molto numerose. Per questo i funerali, anche se permessi a differenza di altri Paesi, sono svolti in modalità eccezionali. La ‘Cnn’ ha documentato il rito funebre, svolto da padre Edduar, effettuato a Madrid, nel cimitero La Almudena. Il sacerdote riceve un massimo di 5 persone care al defunto, poi l’autista del carro funebre apre il bagagliaio contente la bara. Tra la benedizione e le preghiere, in tutto ci si impiega 5 minuti, con il feretro che lascia l’automobile soltanto per essere accompagnato su un altro carrello verso la cremazione. Al cimitero arriva una salma alla media di ogni 15 minuti, con i famigliari che spesso filmano la cerimonia con gli smartphone per far partecipare virtualmente gli altri cari che non sono ammessi.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, lutto per Pep Guardiola: è morta la madre