Coronavirus, positivo dopo 30 giorni: la testimonianza della “Iena”

In un video anteprima della trasmissione di Italia 1, “Le Iene”, si torna a parlare di Coronavirus. Il tutto grazie alla testimonianza di Alessandro.

Coronavirus
La testimonianza della “Iena” Alessandro (via Screenshot)

Bastano 15 giorni per uscire di casa dopo aver contratto il Coronavirus? E’ una delle domande più frequenti durante questo periodo di emergenza sanitaria. Ad incrementare i dubbi degli italiani, ci ha pensto un video anteprima della trasmissione di Italia 1, “Le Iene“.

La trasmissione satirica di successo della Mediaset tornerà sul piccolo schermo il 23 aprile e, come sempre, tratterà i temi più caldi del momento. In uno dei video anteprima pubblicati sul proprio sito, c’è l’intervista ad un membro del cast, Alessandro Politi. La giovane Iena ha infatti contratto il Covid-19 e dopo 15 giorni di isolamento è risultato ancora positivo al virus.

Intanto però i sintomi sono improvvisamente scomparsi, ma nonostant ciò, a trenta giorni dal primo tampone, Alessandro si è sottoposto anche al secondo tampo, risultato nuovamente positivo. Dall’esperienza della giovane Iena, sono iniziate a sorgere diverse domande, con la redazione di Italia 1 che resta dubbiosa sulla efficacia della quarantena.

Coronavirus, l’esperienza della “Iena” Alessandro Politi

Coronavirus
L’intervista ad Alessandro Politi (via Screenshot)

Nelll’anticipare la nuova stagione della trasmissione satirica e d’inchiesta, la redazione delle Iene ci ha tenuto a portare un importante anteprima. Un’intervista con uno degli inviati, Alessandro Politi, che nell’ultimo mese ha contratto il virus.

Nello spezzone di tre minuti Alessandro ha riportato tutti i sintomi del virus come: febbre alta, tosse. Ma come riporta Politi, dopo pochi giorni tutti questi sintomi sono scomparsi. Nonostante ciò a trenta giorni dal primo tampone positivo è stata confermata la positività con un nuovo tampone.

Nello spezzone video, Alessandro afferma cheil 5 marzo si svegliò con un forte mal di testa, febbre alta e un po’ di tosse. Tutti questi sintomi però sono passati la notte stessa, con l’assunzione di una semplice aspirina. Inoltre anche con un pò did rassegnazione, Alessandro afferma che da un mese è senza sintomi am continua ad essere positivo.

Il video si conclude con il dubbio di Alessandro sull’efficacia dei 15 giorni di quarantena. L’inviato infatti ha chiuso il suo video affermando: “Come si è deciso che i quindici giorni siano sufficienti, se io dopo trenta giorni sono ancora positivo? Non è che forse il contagio tarda a fermarsi anche per questo motivo?”.

L.P.

Per rimanere sempre aggiornato sulla Cronaca, CLICCA QUI !