Coronavirus, l’Italia attiva il satellite Ue per monitorare il territorio

Coronavirus, l’Italia attiva il satellite europeo Copernicus per monitorare il proprio territorio durante l’emergenza. Ad annunciarlo è Janez Lenarcic, commissario per la Gestione delle crisi.

Coronavirus

Coronavirus, l’Italia attiva il satellite dell’Unione Europea per monitorare il territorio. Ad annunciarlo via Twitter è il politico Janez Lenarcic, commissario per la Gestione delle crisi.

Ecco quanto si legge dal suo messaggio: “La Protezione Civile italiana ha attivato Copernicus per mappare le strutture sanitarie temporanee e le aree di raccolta al fine di avere una chiara comprensione del territorio per il successivo monitoraggio delle attività e degli spazi pubblici durante l’emergenza da Covid-19”.

Coronavirus, l’Italia attiva il satellite Copernicus

Un nuovo mezzo, quindi, per monitorare il più possibile il territorio ed evitare spostamenti gratuiti in questo periodo di resistenza. Perché sono ancora tante, troppe, le persone in strada senza valide motivazioni. La conferma giunge dalle celle telefoniche osservate dalle varie Regioni ma soprattutto dalle segnalazioni e multe che arrivano dalla forze dell’ordine quotidianamente.

La preoccupazione delle autorità, inoltre, è che ci sia un calo di concentrazione a partire dalle prossime settimane. Esasperazione per chi non sta lavorando e non vive un periodo sereno ma anche intolleranza verso una primavera che offrirà giornate sempre più belle ed entusiasmanti. Ma proprio adesso bisogna tener duro.

Potrebbe interessarti anche —-> Coronavirus, Gallera: “Abituiamoci ad usare le mascherine per mesi”

Dopo i piccoli ma importanti e incoraggianti segnali che giungono negli ultimi giorni, non bisogna desistere. Altrimenti il rischio è che si torni indietro e si ricominci d’accapo. Per calare un po’ l’attenzione, si rischia pertanto di prolungare a oltranza l’isolamento forzato nelle abitazioni. Il che sarebbe un tremendo autogol arrivati verosimilmente vicini alla fase 2. Nel frattempo “non sarà un’estate normale”, assicura Franco Locatelli.