Coronavirus, Speranza: “Situazione ancora drammatica, non c’è una data per ripartire” 

Coronavirus, Roberto Speranza frena gli entusiasmi. Il ministro della salute fa il punto della situazione e non si esprime con particolare positività sulla situazione attuale. 

Roberto Speranza
Roberto Speranza (photo Gettyimages)

Coronavirus, il ministro Roberto Speranza frena gli entusiasmi. Dopo alcune notizie relative a una “pandemia in discesa”, con un possibile allentamento delle prese a stretto giro, il referente della sanità ha voluto far chiarezza evidenziando il quadro reale.

Il politico, come riporta La Repubblica oggi in edicola, si è infatti espresso con totale schiettezza per far comprendere criticità: “Dobbiamo dire la verità. La situazione resta drammatica. L’emergenza non è finita. Il pericolo non è scampato. Ci aspettano mesi ancora difficili. Il nostro compito è creare le condizioni per convivere con questo virus”.

Coronavirus in Piemonte
Coronavirus in Piemonte (photo Gettyimages)

Coronavirus, le parole del ministro Speranza

La parola d’ordine sarà questa: convinverci. “Almeno fino a quando non avremo il vaccino o una cura”, riferisce il ministro della salute. Speranza preferisce apparire anche più duro del previsto, pur non vendere illusioni: “Lo so che sono dipinto come quello più rigido. Ma proprio perché sono il ministro della Salute mi sento in obbligo di essere severo”.

Potrebbe interessarti anche —-> Coronavirus, medici di famiglia pronti allo sciopero: l’annuncio

Speranza poi annuncia anche un piano strategico per uscire quanto prima dalla crisi. E questo prevede cinque punti fondamentali. In primis il distanziamento sociale e mezzi di protezione per tutti, poi ospedali specializzati sul Covid-19 su tutto il territorio nazionale e rafforzamento delle reti sanitarie locali. Nei programmi è previsto anche uno screening di massa per capire il numero totale di contagiati in Italia e un’app, come fatto in Corea, per verificare i movimenti delle persone positive.

Vincere la battaglia sanitaria è la premessa per la ripresa economica. Siamo ancora nel pieno dell'emergenza. Se non rispettiamo le misure di distanziamento sociale vanifichiamo gli sforzi che abbiamo fatto finora.

Pubblicato da Roberto Speranza su Sabato 4 aprile 2020