Coronavirus, sparato alle gambe: aveva filmato uomo violare quarantena

Coronavirus, in Calabria un uomo è stato sparato alle gambe perché aveva filmato un impiegato che violava la quarantena. Cosa rischia

coronavirus sparato gambe
Coronavirus, uomo sparato 4 volte alla gamba: cosa rischiano i colpevoli (Getty Images)

Da ormai un mese, l’Italia intera è in lockdown totale a causa della catastrofica pandemia del Coronavirus. Severamente vietato uscire di casa, se non per motivazioni di primaria importanza come il lavoro o l’acquisto di beni alimentari. Non tutti, però, stanno rispettando le ordinanze restrittive imposte dal Governo. Anzi, si parla ogni giorno di migliaia di denunce per dei “ribelli” che continuano a non rispettare la quarantena. A Scilla, vicino Reggio Calabria, un uomo stava filmando i normali controlli che le Forze dell’Ordine stavano effettuando tra le vie del paese. Una volta pubblicato sul web, un impiegato che aveva violato la quarantena si è ritrovato immortalato nel filmato in questione. Quest’ultimo, insieme a un suo amico, si è recato presso l’abitazione dell’autore del video e, dopo alcune minacce e un tentativo di estorsione, gli ha sparato 4 colpi sulle gambe, prima di scappare.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, secondo un infettivologo: “È decisamente peggio dell’Ebola”

Coronavirus, cosa rischia l’uomo colpevole

coronavirus sparato gambe
Dopo una lunga ricerca, i due colpevoli sono ora in arresto (Getty Images)

Il bruttissimo gesto dell’uomo ai danni di un ignaro cittadino che stava facendo un video, rischia ora di avere conseguenze gravissime. Subito dopo i colpi di pistola, i Carabinieri si sono recati sul luogo e, a seguito di varie testimonianze, hanno iniziato una ricerca incessante per trovare l’uomo e il suo collega. Dopo oltre una nottata di ricerca, uno dei due si è recato presso la caserma di Reggio Calabria. Poco dopo è stato individuato anche l’altro dei due colpevoli, che ora sono entrambi in arresto. E adesso rischiano grosso. Dovranno infatti rispondere di estorsione , tentato omicidio e porto di arma da fuoco abusivo. Il ferito è ora in buone condizioni, ed è tornato presso il proprio domicilio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, nuovo obbligo in Lombardia. Fontana: “Vi spiego”