Coronavirus, medici di famiglia pronti allo sciopero: l’annuncio

Coronavirus, protesta furiosa dei medici di famiglia. Dopo l’ennesima vittima da Covid-19, l’ordine si dice pronto a chiudere ogni ambulatorio. Sfogo pesante del segretario. 

Influenza
Tornano ad affollarsi gli studi medici (via Pixabay)

Coronavirus, salgono a 80 i dottori deceduti in questo stato di emergenza. Motivo per cui i medici di famiglia, adesso, sono pronti a scioperare furiosamente. Il motivo è il seguente: i mancati mezzi di sicurezza per chi sta operando in questi mesi di difficoltà.

Perché dopo settimane di carenze e segnalazioni andate a vuoto, le mascherine latitano e c’è nient’altro. Ognuno deve arrangiarsi, spesso risolvere a modo proprio. Così ora il personale sanitario si dice pronto a chiudere gli ambulatori, almeno finché non ci sarà una tutela reale ed efficace.

Potrebbe interessarti anche —> Coronavirus, quanto durerà? La previsione del Governo e degli esperti

Pronti a chiudere gli studi e a garantire solo i livelli essenziali previsti per legge, faremo l'impossibile per dare…

Pubblicato da Silvestro Scotti su Sabato 4 aprile 2020

Coronavirus, pronto lo scioperi dei medici di famiglia

Silvio Scotti, segretario generale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg), ha infatti rilasciato una nota durissima: “Oggi devo dire addio a un amico con il quale ho condiviso i miei primi passi della formazione che ci avrebbe portato al servizio della medicina di famiglia e dei cittadini di questo Paese, o almeno così credevamo. Un amico che, come tutti noi medici di famiglia, è stato scaricato dalle istituzioni politiche e sanitarie ed è morto da solo. E la sua morte non vale per quattro burocrati della Ragioneria dello Stato, manca una relazione tecnica!”. 

Tensione alle stelle dunque. Ma la chiusura degli ambulatori – evidenzia lo stesso Scotti – non avverrebbe in maniera categorica: “Pronti a chiudere gli studi e a garantire solo i livelli essenziali previsti per legge. Fremo l’impossibile per dare risposte ai nostri pazienti, ma solo nei limiti che la legge prescrive in assenza di risposte connesse al senso di Responsabilità dei Funzionari di Stato e della Politica e non certo alla ricerca di salvacondotti per i loro errori”. 

Conferenza stampa del 4 aprile 2020 ore 18

🔴 Siamo in diretta dalla nostra sede per fare il punto sull'emergenza Coronavirus con il Capo Dipartimento Borrelli. Anche oggi sarà presente un'interprete LIS per la traduzione in lingua dei segni 👇

Pubblicato da Dipartimento Protezione Civile su Sabato 4 aprile 2020