Coronavirus, De Magistris non ci sta: “I napoletani rispettano i divieti”

Torna a parlare il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, sull’emergenza Coronavirus. Il primo cittadino partenopeo difende il suo popolo.

Coronavirus de magistris
Il sindaco di Napoli risponde alle accuse (Getty Images)

Dopo Genova anche Napoli è tornata agli onori della cronaca per l’emergenza Coronavirus. Infatti, come per la città ligure, anche nella città partenopea è scattata la polemica per il mancato rispetto della quarantena in alcuni quartiere popolari.

Negli ultimi giorni sul web sono spuntate alcune foto in cui si sono verificati degli assembramenti. Gente che va a fare la spesa nei mercatini con le mascherine, ma senza rispettare le distanze, uno scenario preoccupante quello verificatosi soprattutto nei quartieri di Borgo San Antonio e nel rione Sanità.

Sulla situazione verificatasi nei due quartieri di Napoli è intervenuto il sindaco Luigi De Magistris. Il primo cittadino della città partenopea, ai microfoni, ha difeso i suoi cittadini. Andiamo a vedere cosa ha detto il sindaco di Napoli.

De Magistris: “Vie strette. I napoletani rispettano le regole”

De Magistris
Il sindaco Luigi De Magistris difende i napoletani (via Getty Images)

Così il sindaco di Napoli è sceso in campo in prima linea per difendere il suo popolo. De Magistris ha iniziato il suo discorso affermando che, sia in Borgo San Antonio che nel rione Sanità, le vie sono strette e nonostante ciò i napoletani rispettano regole e divieti. Il sindaco ha poi aggiunto che il popolo napoletano è fatto di persone responsabili.

Su chi mostra le immagini con assembramenti nei quartieri napoletani, il sindaco ha risposto dichiarando che i napoletani stanno rispettando le regole con serietà e che stanno dando il massimo per difendersi dal virus.

Infine il sindaco partenopeo ha affermato che senza il contributo dei suoi cittadini, il sistema sanitario sarebbe crollato con un vero e proprio collasso degli ospedali.

L.P.

Per rimanere sempre aggiornato sulle notizie di Cronaca, CLICCA QUI !