Coronavirus: Roma punta su società francese per aiutare le famiglie

Coronavirus: il Comune di Roma ha deciso di puntare su una società francese per disporre gli aiuti alle famiglie bisognose.

sindaca roma virginia raggi coronavirus
La sindaca di Roma Virginia Raggi (Getty Images)

Roma: per far fronte all’emergenza Coronavirus, la sindaca Raggi ha deciso di puntare su una società francese, a discapito di una italiana, per effondere i fondi che il Governo ha stabilito per l’aiuto delle famiglie bisognose. Come riporta Leggo, i fondi che il governo ha stanziato nei giorni scorsi per le famiglie bisognose, sono stati inviati ai comuni per la distribuzione. Il Comune di Roma ha scelto la strada dei buonipasto per dispensare l’importante fondo.

Inizialmente, come leggiamo da Leggo, la sindaca aveva chiamato la società Repas, vincitrice della gara d’appalto Consip, che ha offerto al Comune il 10% di sconto in modo tale che i 15 milioni stanziati potessero aumentare. Ma, a pochi giorni di distanza, si è inserita nella trattativa la società francese Edenred, con un offerta del 20%. In base a quanto leggiamo, il Comune di Roma avrebbe dunque scelto la società francese, a discapito di quella italiana, per la messa in atto del programma economico.

Leggi anche >>> Coronavirus, 85.388 contagi e 14.681 morti in Italia: impennata di casi in Spagna – DIRETTA

Coronavirus: la sindaca di Roma sceglie una società francese per i buonipasto

Supermercato
Supermercato (photo Pixabay)

Come riporta Leggo, una delle motivazioni per cui la sindaca Raggi avrebbe scelto la società francese, invece di dar manforte alle aziende italiane, sarebbe la distribuzione aggiuntiva, da parte dei francesi, di una particolare app che garantisce una più rapida gestione dell’iniziativa. Se si pensa che ad ogni modo, gran parte degli aiuti economici andrebbero a persone anziane, l’utilizzo dell’app presenta un’efficacia quanto meno dubbia. C’è di più, l’apporto dell’azienda italiana avrebbe in qualche modo aiutato anche i cittadini. Infatti, i supermercati sarebbero stati pronti, a loro volta, ad applicare uno sconto in cassa alle famiglie. Tutto ciò risulta impossibile con l’utilizzo dei buonipasto della società francese.

Esponenti della Lega e del Pd sono intervenuti sulla questione, dimostrando la loro contrarietà. Come leggiamo da Leggo, infatti, il consigliere comunale della Lega, Davide Bordoni, ha scritto: “Alcuni funzionari vogliano esplorare nuove soluzioni anche con società estere che potrebbero causare ritardi e incertezze nell’erogazione del servizio”. “Modalità poco chiare, aggravate da ritardi”, è invece il commento di alcuni esponenti del Partito Democratico.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, a Potenza si “stampa” moneta per fronteggiare l’emergenza

F.A.