Coronavirus, Madonna posta il ‘panaro’ di Napoli e incita l’Italia

Coronavirus, Madonna posta il ‘panaro’ simbolo della solidarietà a Napoli e il suo messaggio fa il giro del mondo

Coronavirus, Madonna Napoli
Coronavirus, Madonna ancora una volta vicina all’Italia (Getty Images)

Coronavirus, Madonna posta il ‘panaro’ solidale che in questi giorni è tornato di moda in diversi quartieri. Un filmato che la cantante di origini abruzzesi (la famiglia arriva da Pacentro) ha preso dal sito di un quotidiano britannico facendolo suo. E ha deciso di condividerlo con tutti i suoi follower per dimostrare ancora una volta la sua vicinanza all’Italia.

“Dio benedica l’Italia”, ha scritto Madonna e le perdoneremo di aver usato l’inglese (Kareeem Abdul Jabbar l’altro giorno aveva parlato in italiano). Sin da subito sono stati tantissimi i ‘like’ e i commenti che hanno accompagnato il video. Un attestato di stima per l’Italia che lotta e non ha mollato nonostante la strafe da Covid-19.

Il ‘panaro solidale’ di Napoli è un’antica usanza. Secondo il motto di san Giuseppe Moscati “chi ha metta, chi non ha prenda”. Rispolvera l’antica usanza del paniere calato dall’alto in cui si può mettere cibo o prelevarlo. Nei giorni scorsi è rispuntato in Via Santa Chiara, nel centro storico di Napoli, e subito ne sono comparsi anche altri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, partita a Napoli igienizzazione strade

Napoli, a causa del Coronavirus rischia di saltare la processione di S. Gennaro

 

Visualizza questo post su Instagram

 

God Bless you Italy 🇮🇹 ………… #quarantine #covid19 #italy #staysafe #stayhome

Un post condiviso da Madonna (@madonna) in data:

Se Napoli ha riscoperto il suo lato solidale, rischia però di perdere una delle sue tradizioni più antiche. La processione delle reliquie di San Gennaro, in programma sabato 2 maggio, potrebbe essere annullata o comunque svolta a ‘porte chiuse’. Al momento la curia non ha ancora preso una posizione ufficiale. Ma come spiega l’edizione locale de ‘La Repubblica’, alcune fonti della Deputazione di San Gennaro sarebbero per lo stop.

In realtà non era mai successo, nemmeno ai tempi della II Guerra Mondiale. Eppure il 2 maggio in Duomo potrebbero esserci soltanto il cardinale Crescenzio Sepe oltre ad una delegazione della Deputazione e ad una rappresentanza religiosa. La curia al monmento sta aspettando di capire quali saranno le decisioni di Rioma e del governo regionale. Il tempo gioca a favore della processione, anche se al momento nessuno può fare previsioni in un senso o nell’altro.