CONDIVIDI

Vibo Valentia, omicidio di un 27enne: nel giro di 24 ore sembra essere stato risolto il giallo. Fermato un cugino della vittima

Vibo Valentia omicidio 27enne
Vibo Valentia, omicidio di un 27enne forse già risolto (Websource)

Vibo Valentia, omicidio di un 27enne: la risoluzione del giallo che ha insaguinato le vie del centro storico a Paravati di Mileto sembra vicina. Questa sera infatti il presunto assassino di Francesco Palmieri è stato fermato. Si tratterebbe come informano le agenzie di Nicola Polito (33 anni) cugino della vittima.

Fin da suibito le indagini, coordinate dalla Procura di Vibo e in particolare dal pm Concettina Iannazzo, sono state concentrate sull’ambiente familiare. I carabinieri di Mileto e della Compagnia di Vibo Valentia hano svolto i primi rilievi e ascoltati i testimoni, arrivando alla conclusione che qualcosa non andasse. Polito infatti era stato il primo ad allertare i soccorsi, ma il suo racconto, già ieri sera, era sembrato poco convincente

Una perquisizione nelle ore successive ha permesso di trovare il fucile che potrebbe avere sparato in una casa a disposizione del fermato. E qui sarebnbe stato anche trivato un panetto di hashish con un peso decisamente alto per l’uso personale. Gli inqurenti sospettano che il delitto possa essere maturato proprio nel mondo dello spaccio, forse per un debito non onorato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vibo Valentia, muore in una sparatoria in pieno centro: aveva 27 anni

Omicidio a Vibo Valentia, il 27enne raggiunto da un colpo di fucile

Vibo Valentia
Vibo Valentia,il 27enne ucciso nel centro storico (Wikipedia)

Teatro dell’assassinio di Francesco Palmieri sono state le stradine del centro storico di Paravati, paese ben conosciuti dai devoti di Natuzza Evolo. Nella tarda serata di mercoledì 1° aprile il ragazzo, rientrato da qualche mese dall’estero, era nella zona del quartiere Lup. E lì era stato freddato da un colpo di fucile, sparato probabilmente da distanza ravviicinata.

Palmieri ufficialmente risultava essere un muratore, erede di una famiglia di braccianti agricoli molto nota in zona e considerata estranea agli ambienti criminali. Prioprio per questo le indahini, più che puntare sulla criminalità organizzata, sono andate a scandagliare chi lo conosceva bene.

Dopo il ferimento, sono accorsi subito medici e paramedici del 118 che l’hanno trasportato al più vicino ospedale. Ma le sue condizioni sono apparse subito disperate, tanto che il 27enne è deceduto sull’ambulanza in viaggio verso Vibo Valentia. E i medici del Pronto Soccorso hanno potuto solo confermarne il decesso. Al tempo stesso però erano stati attivati i carabinieri della stazione locale, avvisati da chi aveve sentito lo sparo. La pattuglia è arrivata poco dopo e le indagini sono anc he state tempestive. Ora toccherà all’interrogatorio di garanzia dare qualche risposta in più.