Coronavirus, morto Ellis Marsalis Jr: era una leggenda del jazz

A causa di complicazioni dovute al Coronavirus, è morto all’età di 85 anni Ellis Marsalis Jr, leggenda del jazz americano

ellis marsalis
Muore all’età di 85 anni Ellis Marsalis Jr, leggenda del jazz americano (Getty Images)

Poche ore fa, la leggenda del jazz di New Orleans Ellis Marsalis Jr ha perso la vita. A dare il triste annuncio è stato il direttore dell’Ellis Marsalis Center For Music, Quint Davis, ai microfoni della CNN. Il musicista aveva 85 anni, e da qualche giorno mostrava i sintomi relativi al Coronavirus. È stato proprio il figlio, Branford Marsalis, a spiegare le cause del decesso al New York Times. A New Orleans, Marsalis si era creato una vera e propria immagine da leggenda, diventando una sorta di simbolo di purezza e talento nella metropoli americana. Anche il Sindaco della città, LaToya Cantrell, ha voluto spendere due parole una volta appresa la notizia: “Se ne va un mito, identikit di ciò che intendiamo con jazz qui a New Orleans“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, gli Stati Uniti doppiano l’Italia: oltre 200.000 casi

Chi era Ellis Marsalis Jr, icona del jazz di New Orleans

ellis marsalis
Negli ultimi giorni, l’uomo era risultato positivo al Coronavirus (Getty Images)

Ellis Marsalis Jr, figlio di Ellis senior, è stato per anni un’autentica icona della musica jazz a New Orleans (sua città natale) e in tutto il continente americano. Già dai tempi della high school si appassionò al pianoforte, diventando un ottimo musicista sin da subito. Ben presto, sin dalla giovane età, venne riconosciuto dai principali esponenti della musica jazz del tempo come un grande talento. E, infatti, riuscì a tagliarsi uno spazio importante all’interno del genere negli Stati Uniti. Suonò con grandissimi artisti come David Newman e Sting. Negli ultimi anni, Marsalis Jr decise di concentrarsi maggiormente sull’insegnamento, dando ai suoi studenti consigli e ispirandoli musicalmente. La leggenda del jazz era sposato e aveva 6 figli, di cui 4 hanno deciso di seguire le sue orme.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, le scuse di von der Leyen all’Italia: “Ora l’UE è con voi”