Coronavirus, al supermercato senza mascherina: rissa a Napoli – VIDEO

Coronavirus: scattata una rissa in un supermercato di Napoli. Tra le motivazioni, un uomo in fila che non indossava la mascherina di protezione.

Rissa al supermercato
Rissa al supermercato (photo screenshot da Youtube)

Il video è stato registrato da un cliente del supermercato e diffuso in rete. In un supermercato di Arpino di Casoria, in provincia di Napoli, è scattata una rissa tra alcuni clienti. La rissa sembrerebbe essere stata causata dalla presenza di un uomo, in fila, senza la mascherina di protezione per il Coronavirus. Da quanto si apprende dal video, il battibecco è iniziato tra due clienti in fila al supermercato. Solo successivamente si sono aggiunte altre persone. Il litigio tra i due clienti si è spostato, dalla fila delle casse, fino agli scaffali del supermercato. A quel punto sono intervenuti i commessi, che hanno placato la violenta situazione. Il video (in fondo all’articolo) registrato da un cliente presumibilmente in fila alle casse, non restituisce immagini chiarissime, ma rende l’idea di quanto accaduto all’interno del supermercato di Casoria.

Leggi anche >>> Coronavirus, 77.635 contagi e 12.428 morti in Italia: ok Iss per mascherine – DIRETTA

Coronavirus: la rissa nel supermercato di Napoli ripresa da un cliente

Il video della rissa all’interno del supermercato in provincia di Napoli è stato registrato da un cliente in fila ed è stato poi diffuso sul web. Com’è noto, in tutte le attività commerciali rimaste aperte è necessario indossare la mascherina di protezione e rispettare tutte le norme di distanziamento sociale, affinché venga limitato il più possibile il contagio da Coronavirus. La causa scatenante della violenta rissa sembra essere proprio la presenza di un cliente senza mascherina protettiva. Per di più, quanto accaduto al supermercato di Arpino di Casoria, viola del tutto anche le norme di distanziamento tra le persone, che come ricordiamo, dovrebbe rispettare almeno il metro di distanza.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus: Speranza conferma proroga misure fino al 13 aprile

F.A.