Salvini: “Surreale polemica su Orban, Italia decreta emergenza su Fb”

Il leader della Lega Matteo Salvini, un un video pubblicato su Facebook, ha attaccato il governo e solidarizzato con il presidente dell’Ungheria Orban

Salvini orban conte
Decreto Coronavirus, Salvini (photo Gettyimages)

In Italia i contagi da Coronavirus stanno pian piano diminuendo, ma ancora non è il caso di allentare l’attenzione e le misure restrittive. C’è da pensare anche alla ricostruzione post-Covid, così il Senatore Matteo Salvini, insieme ad alcuni suoi colleghi della Lega, tra cui l’ex  Sottosegretario di Stato del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Claudio Durigon, ha espresso al popolo di Facebook alcune proposte da portare al Governo. “Innanzitutto dobbiamo tutelare il diritto alla vita fornendo ai medici e agli infermieri le mascherine e tutti gli altri dispositivi di protezione individuale. Non è possibile che siano tutti questi ritardi a causa della burocrazia“.

LEGGI ANCHE >>> Barbara D’Urso e Salvini recitano il rosario – VIDEO

Matteo Salvini solidale con Orban e pungente con Conte

salvini Orban
Orban Ungheria (via Getty)

Il leader dell’opposizione, poi, parla anche delle polemiche sulla gestione dell’emergenza da parte dell’Ungheria: “Onestamente ritengo che ogni popolo e ogni Governo debba decidere in base a quello che ritiene più giusto. C’è stato un voto del Parlamento ungherese, democraticamente eletto. Non vedo cosa abbiano da eccepire gli altri Paesi, la polemica sui pieni poteri di Orban nell’emergenza mi sembra surreale. C’è gente che osanna l’operato della Cina, quella sì che è una dittatura con pieni poteri”. Poi un attacco a Conte e al Governo italiano: “In Italia è stata decretata l’emergenza in televisione e su Facebook di sabato a mezzanotte. Noi ci autoinvitiamo? Il centrodestra ha il 50% dei voti, non chiediamo al governo poltrone ma di ascoltare le nostre proposte. Se Conte dice che sono autosufficienti, va bene. Sarà la storia a giudicarli”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, la richiesta di una bambina al Presidente Conte