Coronavirus, Placido Domingo si aggrava: la situazione

Placido Domingo, positivo al coronavirus, è stato ricoverato in Messico ed ora le sue condizioni si sono aggravate.

Placido Domingo
Placido Domingo ©Getty Images

Il tenore spagnolo Placido Domingo, dopo essere risultato positivo al coronavirus la settimana scorsa, è stato ricoverato in Messico per delle complicanze. Secondo quanto riportato dalla Cnn, l’uomo starebbe reagendo alle cure.

“Sento che è un dovere morale annunciarvi che sono risultato positivo al test per Covid-19, il coronavirus” aveva annunciato su Facebook lo scorso 22 marzo.

Poi l’appello: “Chiedo a tutti voi di essere estremamente attenti, di seguire le linee guida di base lavandovi spesso le mani, mantenendovi a una distanza di almeno due metri dagli altri, facendo tutto il possibile per impedire la diffusione del virus e soprattutto, se è possibile, di restare a casa! Insieme possiamo combattere questo virus e fermare l’attuale crisi mondiale, in modo da tornare al più presto alla nostra normale vita quotidiana. Vi prego di seguire le indicazioni e le norme stabilite dai vostri governi, per restare al sicuro e proteggere non solo voi stessi, ma l’intera nostra comunità”.

Placido Domingo e le molestie sessuali: il tenore chiede scusa

Placido Domingo da diversi mesi era stato accusato di molestie sessuali da diverse donne. Un mese fa l’uomo si è detto dispiaciuto per le sofferenze causate e si è assunto piena responsabilità delle sue azioni. Il tenore inoltre ha detto si sentire profondo rispetto per le colleghe che lo hanno accusato: “Capisco ora che alcune di quelle donne potessero avere paura di parlare sinceramente perché si preoccupavano per le loro carriere”.

Infine ha dichiarato di voler cambiare le cose anche per il futuro, almeno per quel che riguarda il suo settore: “Il mio desiderio è che questo mondo diventi un posto più sicuro dove lavorare. Spero che il mio esempio possa spingere gli altri a seguire i miei passi”.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, Trump fa un passo indietro: quarantena fino al 30 aprile