CONDIVIDI

A Balangero, in Piemonte, il Comune ha assunto alcune sarte per la produzione di  mascherine contro il Coronavirus “fai da te”

mascherine coronavirus come usarle
In un comune piemontese lanciata iniziativa per mascherine Coronavirus “fai da te” (Getty Images)

Il Coronavirus in Italia continua ad essere un problema decisamente serio. Tutto il Paese è in quarantena, e lo sarà ancora per un po’. Simbolo della battaglia contro questa terribile pandemia sono diventate le famose mascherine. Strumento di difesa utile ma non di facile reperibilità. A Balangero, un comune piemontese, il sindaco ha deciso di lanciare un’iniziativa molto carina e, soprattutto, decisamente utile. È partita l’assunzione di sarte in tutto il paese, in modo da produrre mascherine “fai da te” non omologate. La decisione è stata accolta con grande entusiasmo da tante signore che, dotate di macchina da cucire e tanta buona volontà, hanno iniziato a produrle. L’unica cosa che il Comune ha fatto, in questa direzione, è fornire tutto il materiale necessario alle sarte, che si sono subito messe all’opera.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Covid-19, scienziati rispondono a Renzi: “Irrealistico riaprire a breve”

Mascherine Coronavirus, le parole del sindaco di Balangero

Mascherine coronavirus
La decisione è stata accolta con grande entusiasmo da decine di sarte
(Foto: Getty)

L’iniziativa delle mascherine contro il Coronavirus “fai da te” ha da subito ricevuto grandissimi consensi. Sarte di Balangero (e comuni limitrofi) si sono da subito messe a disposizione per aiutare i propri concittadini, producendo mascherine non omologate. Il sindaco del Comune piemontese, Franco Romeo, ha commentato: “Siamo già arrivati a 15 sarte, un numero fantastico“. E aggiunge: “Tutta questa partecipazione mi riempie il cuore, mostra che siamo una grande comunità, di cui c’è da andarne orgogliosi“. Una volta prodotte, queste mascherine vengono distribuite in ogni casa da volontari della Protezione Civile. Almeno per il momento, si tratta di un solo pezzo per nucleo familiare, che in futuro potrebbero salire con un maggior numero di aderenti. Presente inoltre, nella confezione, un filtro di ricambio e consigli utili su come lavare la protezione, in modo da poterla riutilizzare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il ministro Provenzano: “Redditi per chi è in difficoltà”

Tutti gli aggiornamenti sul CORONAVIRUS sul nostro canale TELEGRAM >>> https://t.me/covid19LiveINEWS24