Ivrea, autocertificazione valida ma lui è ubriaco: denunciato automobilista

Ad Ivrea un automobilista è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza nonostante l’autocertificazione valida

Coronavirus

La sua autocertificazione era valida, ma il tasso alcolemico no. La storia viene da Ivrea, a Torino, dove un uomo è stato fermato in autostrada dalla polizia stradale lunedì pomeriggio. Il motivo dello spostamento, lavorando in una ditta funebre, era valido ma l’alcol nel corpo oltre 5 volte il normale.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus in Giordania: “C’è il coprifuoco, portiamo noi la spesa”

Ivrea, automobilista denunciato: come sono andate le cose

Gli agenti della sottosezione autostradale della Polstrada al casello di Ivrea, nel come di Pavone Canavese, gli hanno intimato di fermarsi per controllare le motivazioni dello spostamento come disposto dal consiglio dei ministri. L’uomo era in regola in quanto in atto a consegnare dei materiali per un’impresa di onoranze funebri.

Gli agenti, però, non si sono fermati a quell’unico controllo. Questo perché l’uomo, fin da subito, è apparso fortemente in difficoltà nel parlare e scoordinato nei movimenti. Inoltre, riferiscono i poliziotti, il suo alito puzzava di vino. Dunque è stato sottoposto al test alcolemico che ha rivelato 2,50 grammi per litro. Di ben 5 volte oltre, quindi, al limite di 0.5. La sua scusa è stata di aver bevuto una birra ad ora di pranzo, ma questo non ha fatto sì che potesse scampare alla denuncia.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, il virologo: “Altro che 60 mila contagiati, ecco il numero reale”