Coronavirus, mancano camici ad Aosta: personale con sacchi di plastica

Coronavirus, emergenza in Val D’Aosta: medici senza camici e costretti a lavorare con sacchi di plastica dell’immondizia. Appello anche da Pier Eugenio Nebiolo, direttore sanitario dell’Usl. 

Coronavirus Marche
 (via Getty Images)

La lotta al coronavirus è diventata ormai una vera e propria guerra ormai, e come tale si combatte con ogni mezzo e arma possibile. Così in Val D’Aosta, causa mancanza di camici, medici e personale sanitario stanno utilizzando sacchi di plastica dell’immondizia pur di non fermarsi.

Coronavirus Francia
Coronavirus Francia (da Pixabay)

Coronavirus, medici senza camici in Val D’Aosta

Il tutto sta avvenendo specificamente all’ospedale Parini di Aosta, nonché zona specifica relativa all’emergenza da Covid-19. A lanciare l’allarme è direttamente Pier Eugenio Nebiolo, direttore sanitario dell’Usl: “Mancano i camici e se qualcuno è disponibile nel realizzarli, noi siamo interessati a prenderli. Ci stiamo ingegnando per riuscire a proteggere il nostro personale, siamo nel pieno di una criticità e pensiamo ai nostri operatori che lavorano a contatto con questi malati. Dobbiamo proteggerli, altrimenti rischia di diventare tutto più complicato”. 

Si tratta di una carenza significativa. Perché a differenza delle mascherine, i camici “sono più facile da recuperare e costruire” come sottolinea Nebiolo. E nel frattempo c’è un flusso minaccioso che incombe sul territorio. Perché il contagio nella regione alpina, nelle ultime ore, anche cresce in modo preoccupante.

Potrebbe interessarti anche —-> Coronavirus, il dottor Ascierto: “Lavoriamo al vaccino, ecco tempi e costi” 

Secondo quanto riferito ieri dalla Protezione civile, i casi presenti nel territorio sono 258. Ovvero, statisticamente, 2 su mille abitanti contro 1,5 attualmente positivi su mille abitanti in Lombardia. L’incidenza in Val d’Aosta, quindi, ha superato anche quella lombarda che viaggia a ritmi non certo cauti. Fermarsi adesso sarebbe devastante e le parti in causa lavorano incessantemente per risolvere questa problematica dei camici.