Coronavirus, il dottor Ascierto: “Lavoriamo al vaccino, ecco tempi e costi” 

Coronavirus, parla il dottore Paolo Ascierto. Il direttore dell’istituto Pascale di Napoli, intervenuto ai microfoni di Tuttosport, parla del rimedio anti-Covid e del vaccino. 

In attesa di un vaccino per il quale servirà ancora tempo, al momento è il Tocilizumab la nuova speranza per fronteggiare il coronavirus. Il farmaco, nonché medicinale anti-artrite reumatoide, si è rivelato infatti un buon rimedio per fronteggiare l’infezione da Covid-19. La scoperta, come ormai noto, è del dottor Paolo Ascierto e dal suo team.

Coronavirus Francia
(da Pixabay)

Potrebbe interessarti anche —-> Coronavirus, Gabbiadini: “Così ho scoperto tutto, ho una tosse fastidiosa” 

Coronavirus, vaccino in arrivo?

Il medico, direttore unità oncologia melanoma, immunoterapia oncologica e terapie innovative dell’istituto Pascale di Napoli, ha raccontato la scoperta ai microfoni di Tuttosport oggi in edicola: “Questo farmaco, il Tocilizumab, lo utilizziamo per curare gli effetti collaterali dell’immunoterapia. Nell’ambito di questi effetti il distress respiratorio è simile a quello del Covid-19. Così, con il mio gruppo di lavoro di Napoli, abbiamo fatto un approfondimento per applicare le nostre conoscenze all’emergenza coronavirus che stiamo vivendo attualmente”.

Poi la scoperta: funziona. Funzione eccome. Da lì il contatto con i colleghi cinesi: “Innanzitutto abbiamo contattato dei colleghi cinesi, a partire dal dottor Ming, con cui abbiamo una collaborazione da diversi anni, per confrontarci su questa idea. E abbiamo scoperto che si trattava dell’uovo di Colombo… Loro avevano già testato il farmaco su 21 pazienti. E di questi, ben 20 avevano fatto registrare miglioramenti importanti nel giro di ventiquattro ore”. 

Vaccino Covid-19: tempi e costi

Ma il professor Ascierto sta lavorando anche a un’altra soluzione parallelamente alla pista della Tocilizumab, la quale resta comunque un rimedio e non un cura definitiva. L’altro progetto consiste proprio in un vaccino, come spiega il medico: “Si tratta di un vaccino preventivo per l’infezione da Sars-Co2, che è il virus responsabile del Covid-19”.

Ma servirà un supporto economico per la svolta. La soluzione, infatti, ha un costo milionario: “Da soli non possiamo farcela Abbiamo bisogno del sostegno di tutti perché servirà un milione di euro per far partire la sperimentazione già a settembre. Colgo l’occasione per appellarmi ai campioni dello sport, del calcio e in modo particolare a Cristiano Ronaldo, che è il mio idolo e che anche in questa situazione difficile si è rivelato un esempio mondiale mettendo la salute della gente davanti a tutto”. 

Leggi anche —-> Covid-19, Italia come la Corea: “Pronti a tracciare movimenti”