Pensioni, da aprile i pagamenti saranno scaglionati: scopri quando riscuotere

La ministra Catalfo annuncia lo scaglionamento delle pensioni a partire dal mese di aprile: ecco come funzionerà il tutto

Poste Italiane, pensioni
Poste Italiane, pensioni

A partire dal mese di aprile e fino, al momento, a quello di giugno il pagamento delle pensioni sarà scaglionato su diversi giorni per evitare assembramenti negli uffici postali. Ad annunciarlo è Nunzia Catalfo, ministra del Lavoro e delle Politiche Sociali, che ha affermato: “Nello specifico il pagamento decorrerà dal giorno 26 al 31 marzo per la mensilità di aprile, dal giorno 27 al 30 aprile per la mensilità di maggio e dal giorno 26 al 30 maggio per la mensilità di giugno”. Dunque, bisognerà recarsi il giorno giusto che va in base all’iniziale del cognome.

Pensioni, ecco quando ritirare la tua: la tabella

Pensioni

Il gruppo Poste Italiane, con un comunicato ufficiale, ha fatto chiarezza in merito ai pagamenti: “Con l’obiettivo di contribuire a contrastare la diffusione del Covid 19, Poste Italiane rende noto che le pensioni del mese di aprile verranno accreditate il 26 marzo per i titolari di un Libretto di Risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. I titolari di carta Postamat, Carta Libretto o di Postepay Evolution potranno prelevare i contanti da oltre 7.000 Atm Postamat, senza bisogno di recarsi allo sportello. Coloro che invece non possono evitare di ritirare la pensione in contanti, nell’Ufficio Postale, dovranno presentarsi agli sportelli rispettando la turnazione alfabetica prevista dal calendario seguente (guarda la tabella in basso, ndr)”.

LA TABELLA:

  • Dalla A alla B: giovedì 26 marzo.
  • Dalla C alla D: venerdì 27 marzo.
  • Dalla E alla K: la mattina di sabato 28 marzo.
  • Dalla L alla O: lunedì 30 marzo.
  • Dalla P alla R: martedì 31 marzo.
  • Dalla S alla Z: mercoledì 1 aprile.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, la previsione di contagi, guariti e decessi in Italia