Coronavirus, isolati due conventi nel Lazio: 59 suore positive

Isolati a Roma e ai Castelli Romani due conventi, all’interno dei quali sono risultate positive al Coronavirus 59 suore.

Suora con mascherina
Suora con mascherina (photo Gettyimages)

Lazio: All’interno di due conventi sono risultate positive al tampone del Coronavirus 59 suore. Come riporta Skytg24, si tratta del Convento delle suore angeliche di San Paolo, sulla via Casilina, a Roma e quello delle Figlie di San Camillo sulla via anagnina, ai Castelli. In quest’ultimo convento sono risultate positive quaranta suore, mentre sono 19 le suore positive nel convento romano. Ad ogni modo, le autorità stanno verificando la situazione, con i rispettivi esami epidemiologici da parte delle Asl competenti. A darne conferma, come riporta anche Repubblica, è l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Leggi anche >>> Coronavirus, 33.190 contagi e 3405 decessi in Italia: superate le 10mila vittime nel mondo – DIRETTA

Coronavirus: suore positive in due conventi romani

Polizia Municipale a Roma
Polizia Municipale a Roma (photo Gettyimages)

59 dunque il numero totale delle suore risultate positive al Coronavirus nei due conventi di Roma e Castelli. Nel convento di via casilina solo due i casi di negatività al tampone.

Intanto, come riporta il Corriere della Sera, è iniziata a Roma l’attività da parte della Polizia Municipale per spingere i cittadini della capitale a rimanere nelle proprie case. Le volanti della municipale stanno dunque attraversando le strade della capitale e, con l’utilizzo di altoparlanti, invitano tutti i cittadini a non uscire di casa. I vigili, come riporta il Corriere della Sera, stanno attraversando tutte le strade, dal centro alla periferia, per dare il loro apporto alla lotta contro l’espansione del CoVid-19. Sale anche il numero di denunce, nella capitale, per violazione al divieto di spostamento senza necessario motivo. Il Corriere della Sera fa sapere che sono 28 le persone denunciate a Roma per aver trasgredito tale normativa. Non solo gente a passeggio: le denunce sono scattate anche per chi mangiava pizza nei locali o per chi provava ad entrare nei supermercati già chiusi.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, scuole chiuse fino a giugno: l’ultimo scenario

F.A.