Coronavirus, il “paziente 1” di Codogno è completamente guarito

Coronavirus, il “paziente 1” di Codogno è completamente guarito dopo un mese di battaglie e ha potuto rivedere la moglie incinta

Paziente 1 Codogno
Coronavirus, il “paziente 1” di Codogno è completamente guarito (Foto: Getty)

Una buona notizia finalmente arriva dal Nord Italia e riguarda il primo contagiato da Covid-19 a Codogno. Il cosiddetto “Paziente 1”, il 38enne calciatore dilettante che era risultato positivo lo scorso 22 febbraio è riuscito a vincere la sua battaglia. Il ragazzo era stato trasportato nell’ospedale San Matteo di Pavia alla fine del mese scorso in condizioni critiche, ricoverato in terapia intensiva, con poche speranze di farcela. Il caso aveva allarmato l’opinione pubblica sia per l’età del contagiato, sia per la violenza della polmonite scaturita, iniziando a svelare la gravità del Covid-19. Il calciatore aveva lasciato la moglie incinta al momento del ricovero, cadendo in coma e perdendo ogni contatto con la sua famiglia. Undici giorni fa il risveglio e la domanda divenuta famosa “Sono a Lodi?”. La fine di un incubo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, morta a Pesaro la vittima più giovane d’Italia

Coronavirus, il “paziente 1” di Codogno è guarito completamente

Codogno
Coronavirus, il “paziente 1” di Codogno è guarito completamente (Foto: Getty)

Dopo un mese di durissima battaglia contro il Covid-19, il 38enne di Codogno ce l’ha fatta. Prima il passaggio in terapia sub-intensiva dell’ospedale San Matteo di Pavia, poi il ritorno alla normalità, sempre rimanendo isolato. Ora le cure hanno fatto effetto e si può finalmente reputare “guarito” e fuori da ogni pericolo. Il suo primo pensiero è andato alla moglie, incinta al nono mese. La compagna ha potuto virtualmente riabbracciarlo (se pur dietro un vetro) e raccontargli gli sviluppi della gravidanza.

L’ unico desiderio che ho è potere assistere alla nascita di mia figlia. I dottori mi assicurano che ce la farò”. Queste le sue parole commosse dopo la visita della sua famiglia.

Un segnale molto incoraggiante per tutti coloro che stanno combattendo questa guerra invisibile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Biocontenimento, la bufala su WhatsApp del BSL-4 al via il 15 aprile