USA, emergenza coronavirus: 500mila tamponi prelevati dall’Italia

USA, emergenza coronavirus: 500mila tamponi prelevati dall’Italia per effettuare i test in America

USA Coronavirus tamponi
USA, emergenza Coronavirus: 500mila tamponi prelevati dall’Italia (Foto: Youtube)

Il Pentagono mercoledì ha confermato che l’Air Force ha trasportato 500.000 test-tampone di coronavirus negli Stati Uniti dall’Italia.

Un’unità della Guardia nazionale aerea ha trasportato 500.000 tamponi – utilizzati come parte del processo per testare il COVID-19 – dall’Italia a Memphis. I tamponi sono stati quindi caricati su un aereo FedEx e distribuiti in tutto il paese come indicato dal Dipartimento della Salute e Human Services (HHS), ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Dipartimento della Difesa Jonathan Hoffman.

Mercoledì sera il capo dello staff dell’Aeronautica generale, il generale David Goldfein, ha confermato la spedizione.

Abbiamo appena fatto un movimento piuttosto significativo a Memphis la scorsa notte”, ha detto Goldfein ai giornalisti.

L’aereo cargo C-17, è atterrato martedì mattina presto all’aeroporto internazionale di Memphis.

L’amministrazione Trump ha affrontato intense critiche per la mancanza di test coronavirus durante la prima fase del contagio. Prezzi proibitivi (circa 3200 dollari) hanno reso tutto più complicato, limitando i controlli e favorendo le infezioni. Ora con il numero dei casi che sta raggiungendo quota 10.000 si corre ai ripari.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE  >>> Covid-19, beccato a fare la spesa in un’altra provincia: scusa surreale

USA, emergenza coronavirus: 500mila tamponi prelevati dall’Italia

Tamponi coronavirus in Usa dall'Italia
USA, emergenza coronavirus: 500mila tamponi prelevati dall’Italia (Foto: Youtube)

Il generale Paul Friedrichs, che ha parlato a fianco di Hoffman, ha affermato che i tamponi sono stati inviati a diverse strutture mediche per raccogliere campioni da individui. Tali campioni vengono quindi inviati a un laboratorio per l’analisi.

Il Dipartimento della Difesa ha reso disponibili i suoi 14 laboratori di test del coronavirus per analizzare i campioni. A partire da martedì, 936 pazienti erano stati testati nelle sue strutture.

Friedrichs ha anche affermato che i militari “stanno lavorando con partner internazionali per soddisfare la nostra piena richiesta” per le apparecchiature di collaudo, oltre a lavorare con le aziende statunitensi.

L’esercito ha 89 casi confermati di coronavirus, tra cui 49 membri del servizio attivo, 19 membri della famiglia, 14 civili e sette impiegati a contratto. A confermarlo il Pentagono in una nota di ieri.

Quattordici degli 89 sono stati ricoverati in ospedale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> USA, il Coronavirus ha colpito tutti i 50 Stati federati