Il primo caso di Coronavirus il 17 novembre: un nuovo rapporto fa chiarezza

0
24

Secondo un rapporto del South China Morning Post, il primo caso di coronavirus dovrebbe risalire al 17 novembre del 2019

Primo caso Coronavirus
Primo caso Coronavirus (Getty Images)

Secondo quanto riferito dal South China Morning Post, il primo paziente a contrarre il coronavirus sarebbe stato un uomo di 55 anni nella provincia di Hubei, a Wuhan. Se questa possibilità fosse confermata, si tratterebbe di un caso avvenuto un mese e mezzo prima del primo allarme lanciato in Cina e tre settimane prima dell’8 dicembre, ovvero, quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità accerta il primo caso.

LEGGI ANCHE—> Coronavirus, Azzolina: “Riapertura scuole? Difficile dire quando”

Primo caso di coronavirus al 17 novembre, spuntano numeri totalmente diversi sui contagi

farmaci coronavirus

Al 15 dicembre scorso il numero delle persone contagiate era di 27, mentre la settimana successiva si è saliti a 60. Il 27 dicembre, dopo l’allarme di un medico riguardo ad un nuovo agente patogeno, erano 180 le persone a essere rimaste contagiate. Successivamente, al 31 del mese, si era a 266 ed il giorno dopo, con il nuovo anni, si toccava già quota 381. Questi numeri, rispetto a quelli pubblicati dalle autorità cinesi, sono molto più alti. Questi ultimi, infatti, all’11 di gennaio segnalavano solo 41 casi confermati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE—> Inquinamento alleato del Coronavirus: ha facilitato la diffusione

La situazione in Cina ad oggi

La Cina oggi, per la prima volta dall’inizio dell’epidemia, non registra nuovi casi di contagi interni. Quelli arrivati dall’esterno sono invece 34. La situazione pare essere sotto controllo anche nell’epicentro di Wuhan dove, nelle ultime 24 ore, si registrano 8 morti. Ricordiamo che nella nazione ci sono stati in totale 81.000 casi di infezione ma attualmente sono solo 7.263 le persone ancora affette da coronavirus. Il governo di Pechino ha dunque deciso di allentare la presa sulla quarantena con norme meno stringenti.

Coronavirus

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui