USA, la NBA sospende il campionato per Coronavirus

USA, la NBA sospende il campionato per Coronavirus. La decisione presa nelle ultime ore dopo un caso positivo negli Utah Jazz

NBA stop al campionato
USA, NBA sospende il campionato per Coronavirus (Foto: Getty)

L’NBA ha deciso di sospendere il campionato di basket più famoso al mondo per l’emergenza Coronavirus. La decisione è arrivata dopo che un giocatore è risultato positivo al Covid-19. Si tratta del centro francese, Rudy Gobert, di 27 anni in forza agli Utah Jazz.

La notizia è arrivata mentre Utah e Oklahoma City Thunder erano pronte a scendere in campo, mercoledì sera.
I giocatori di entrambe le squadre erano in campo alla Chesapeake Energy Arena di Oklahoma City per il riscaldamento, ma sono stati richiamati negli spogliatoi. L’NBA ha dichiarato che il giocatore interessato non era nell’arena e che i risultati del test erano appena arrivati.
L’NBA sta sospendendo il campionato fino a nuovo avviso”, ha detto la lega in una nota. “Questo tempo di stop verrà utilizzato per determinare i prossimi passi da adottare per contenere la pandemia di Coronavirus”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Tom Hanks e la moglie Rita Wilson positivi al Coronavirus in Australia

USA, NBA sospende il campionato per Coronavirus

Coronavirus NBA
USA, NBA sospende il campionato per Coronavirus (Foto: Getty)

In una dichiarazione gli Utah Jazz hanno dichiarato che un giocatore della squadra è risultato positivo (Gobert), mostrando sintomi da influenza, mal di gola e un’infezione delle vie respiratorie superiori mercoledì mattina.
I sintomi dell’individuo sono diminuiti nel corso di oggi, tuttavia, in via precauzionale, e in consultazione e cooperazione con il personale medico dell’NBA e i funzionari sanitari dell’Oklahoma, è stata presa la decisione di testarlo per COVID-19″, ha detto il team.
Il giocatore è a cura dei funzionari sanitari di Oklahoma City.
Auguriamo a questo giocatore una ripresa completa e rapida e apprezziamo il lavoro dei funzionari sanitari dell’Oklahoma di aver testato un membro degli Utah Jazz“.
Hanno aggiunto che stanno lavorando per identificare le persone che hanno avuto un contatto abbastanza stretto con il giocatore da essere potenzialmente esposte.

Questo stretto contatto rende il Coronavirus una preoccupazione per il resto della lega, ha dichiarato il capo allenatore dei Pistons Dwane Casey a seguito dell’annuncio.
Casey e altri funzionari hanno risposto alla decisione dicendo che era la mossa giusta fino a quando i funzionari non avessero una migliore comprensione della situazione. Meglio non prendere rischi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, Trump sospende voli per l’Unione Europea: stop 30 giorni