Lo scienziato italiano: “Ecco i farmaci che curano il Coronavirus”

Uno scienziato italiano afferma di conoscere dei farmaci che aiuterebbero a combattere il Coronavirus. Ecco la sua scoperta 

farmaci coronavirus
La speranza da un farmaco Anti-artrite (Websource)

In questo momento in Italia, ma anche in molti altri Paesi del mondo è emergenza per il Coronavirus. In attesa che arrivi un vaccino efficace (forse ci vorrà ancora molto tempo) la comunità scientifica sta studiando dei metodi alternativi che possano attenuare gli effetti del Covid-19 sulla salute. Guido Silvestri, scienziato italiano e insegnante alla Emory University di Atlanta negli Stati Uniti ha affermato di avere delle speranze in questo senso.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus Italia, dalla Cina in arrivo mascherine e respiratori

Lo scienziato italiano: “Ecco i farmaci che curano il Coronavirus”

farmaci coronavirus
Coronavirus. i progressi del paziente 1 sono un buon segnale (Getty)

Silvestri, fondatore con Roberto Burioni del “patto trasversale per la scienza, su Facebook ha spiegato quali farmaci potrebbero avere un effetto curativo contro il Coronavirus. Il docente sul proprio profilo Facebook ha pubblicato un post dove, oltre a spiegare gli accorgimenti da prendere in questo periodo di emergenza, descrive tre medicinali per combattere il Covid-19.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, ottime notizie da Napoli. farmaco ok su due pazienti

Il primo è il Remdesivir, un farmaco antivirale che secondo Silvestri “sembrerebbe funzionare in molti casi di Coronavirus, di Sars e di Mers e va usato soltanto in presenza di sintomi polmonari e sotto stretto controllo medico“. In Cina e Usa il Remdesivir è in fase di sperimentazione clinica. Potrebbero essere efficaci anche i “farmaci immuno-modulatori” per ridurre le complicazioni polmonari gravi. Tra questi c’è il Tocilizumbab, utilizzato per l’artrite, che ha avuto grandi risultati contro il virus in pazienti dell’ospedale Cotugno di Napoli. La terza speranza di Silvestri è riposta nel farmaco “camostat mesilato“, che attualmente è in fase di studio in Germania, che permetterebbe di colpire una proteina che consente al virus di attaccare l’organismo.