Coronavirus, studio cinese conferma: “Distanza di sicurezza di 4-5 mt”

Coronavirus, uno studio cinese conferma: “La distanza di sicurezza è di almeno 4-5 metri. Può rimanere nell’aria per 30 minuti”

Coronavirus studio cinese
Coronavirus, studio cinese conferma: “Distanza di sicurezza di 4-5 mt” (Foto: Getty)

Il coronavirus che causa Covid-19 può rimanere in aria per almeno 30 minuti e viaggiare fino a 4,5 metri – oltre la “distanza di sicurezza” consigliata dalle autorità sanitarie di tutto il mondo, secondo uno studio condotto da un team di epidemiologi del governo cinese.
I ricercatori hanno anche scoperto che può durare per giorni su una superficie dove atterrano le goccioline respiratorie, aumentando il rischio di trasmissione se le persone ignare lo toccano e poi si strofinano il viso.
Il tempo di permanenza sulla superficie dipende da fattori quali la temperatura e il tipo di superficie, ad esempio a circa 37° C, può sopravvivere per due o tre giorni su vetro, tessuto, metallo, plastica o carta.
Questi risultati, provenienti da un gruppo di ricercatori ufficiali della provincia di Hunan che indagano su diversi nuovi casi, mettono in discussione il consiglio delle autorità sanitarie di tutto il mondo secondo cui le persone dovrebbero rimanere separate a una “distanza di sicurezza” da uno a due metri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, cosa si può fare e cosa no: le principali limitazioni

Coronavirus, studio cinese conferma: “Distanza di sicurezza di 4-5 metri”

Studio cinese distanza sicurezza Covid-19
Coronavirus, studio cinese conferma: “Distanza di sicurezza di 4-5 metri” (Foto: Pixabay)

Lo studio si è basato su un caso di contagio in Cina lo scorso 22 gennaio durante l’alta stagione dei viaggi per il Capodanno lunare. Un passeggero, noto come “A”, salì a bordo di un pullman interurbano completamente esaurito e si sistemò sulla seconda fila dietro.
Il passeggero si era già sentito male a quel punto, ma era prima che la Cina avesse dichiarato lo scoppio del Coronavirus a livello internazionale. Per questo “A” non indossava una maschera, né la maggior parte degli altri passeggeri o l’autista. Dai contagi scaturiti da questo caso, gli scienziati hanno elaborato la loro teoria.

“Si può confermare che in un ambiente chiuso con aria condizionata, la distanza di trasmissione del nuovo Coronavirus supererà la distanza di sicurezza comunemente riconosciuta”, hanno scritto i ricercatori in un articolo pubblicato nella rivista peer-review Practical Preventive Medicine venerdì scorso.
Il documento evidenziava anche il rischio che il virus potesse rimanere nell’aria anche dopo che il vettore aveva lasciato l’autobus.
Gli scienziati hanno avvertito che il  virus potrebbe sopravvivere più di cinque giorni nelle feci umane o nei fluidi corporei.
Hanno detto che lo studio dimostra l’importanza di lavarsi le mani e indossare maschere facciali in luoghi pubblici perché il virus può indugiare nell’aria attaccato a particelle di goccioline sottili, per un massimo di 30 minuti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, 1598 contagi e 97 morti in Italia nelle ultime 24 ore