Coronavirus, virologo di Milano: “Locali vanno chiusi in tutte le regioni”

“Stop alla movida”. L’appello è stato lanciato da Massimo Galli, virologo dell’ospedale Sacco di Milano, cista l’emergenza Coronavirus. Il messaggio è rivolto a tutte le regioni.

Movida
Movida (photo Gettyimages)

Nel corso di un’intervista a La Repubblica, il virologo Massimo Galli ha parlato in merito alle misure precauzionali al fine di abbattere l’espansione del CoVid-19. La movida fa stoppata, questo è il messaggio principale lanciato da Galli, poiché dall’aggregazione di persone nei locali notturni, sono indirettamente interessate anche le persone anziane, le più a rischio in assoluto.

In merito alla protesta di qualche giovane, il virologo ha affermato che il rischio maggiore è che gli adolescenti possano portare il virus anche a casa, dove sono presenti adulti e, soprattutto, persone anziane, una delle categorie più a rischio dell’emergenza Coronavirus.

Leggi anche >>> Coronavirus, 6.387 contagi e 366 morti in Italia – DIRETTA

Coronavirus, l’appello del virologo “Si dovrebbe avviare telemedicina”

Chiusura locali
Chiusura locali (photo Gettyimages)

Ciò che è strettamente necessario, sostiene Galli, è la chiusura dei locali, quali importanti punti di aggregazione, non solo nelle zone ad alto rischio di contagio (le zone rosse), ma in tutte le regioni, in via precauzionale.

Uno dei termini utilizzati dal virologo durante l’intervista è “telemedicina”. In merito alla domanda relativa alle persone in quarantena, Massimo Galli ha detto che è necessario che chiunque viene mandato a casa perché positivo al CoVid-19, abbia un costante contatto con la medicina locale.

Da qui, la proposta di avviare una telemedicina, in modo tale da mantenere sempre costanti i contatti tra pazienti a casa e staff sanitario.

In chiusura, il virologo ha affermato che al momento bisogna attendere per valutare la crescita o meno dei contagi. Come riportato da La Repubblica, il virologo ha sostenuto che al momento i casi riguardano principalmente persone contagiate dal Coronavirus prima del 21 febbraio. Dunque, ci vorrà tempo per valutare al meglio la situazione.

Potrebbe interessarti anche: Coronavirus, Rezza (Iss): “Inizia a circolare anche a Roma”

F.A.