Coronavirus, Serie A verso la sospensione: ufficialità in arrivo

Coronavirus, la Serie A dice stop e va dritto verso la sospensione. Lo anticipa La Gazzetta dello Sport: l’ufficialità è attesa domani ed è inevitabile data l’emergenza per Covid-19. 

Serie A Coronavirus
Serie A, il Coronavirus svuota gli stadi (Getty Images

La Serie A sarà sospesa fino al prossimo 3 aprile. Lo assicura La Gazzetta dello Sport oggi in edicola. Come infatti riferisce il quotidiano, dopo aver giocato in questo weekend tra mille difficoltà e perplessità, il campionato italiano ora andrà dritto verso uno stop inevitabile data la situazione.

Serie A porte chiuse
Calcio, Coronavirus: si va verso la ripresa della Serie A a porte chiuse (Foto: Getty)

Coronavirus, Serie A verso l’interruzione

L’ufficialità dovrebbe arrivare domani. E a imporlo, più di qualsiasi rappresentante politico, lo sono i dati drammatici dei contagi e le ordinanze regionali delle ultime ore. Così dopo il caos avvenuto ieri, con tanto di scontri mediatici tra il ministro Vincenzo Spadafora e Sky, ora ci si fermerà. Tempo appena oggi con Sassuolo-Brescia alle 18.30, poi calerà momentaneamente il sipario.

Anche perché domani è atteso il consiglio straordinario della Federcalcio, dal quale – anticipa il quotidiano – verrà fuori l’ufficiale sospensione del campionato fino alla data indicata. Non importa il collasso di un calendario stracolmo e ogni difficoltà del caso: priorità assoluta alla salute degli atleti e dei cittadini che ne condividono la città.

Leggi anche —> Coronavirus, a Bergamo inizia il triage: “Dobbiamo decidere chi curare”

Il problema – conclude la rosea – è cosa succederà adesso con le le gare di Champions League che vedrà protagoniste le italiane. Perché se l’Atalanta è attesa domani in campo a Valencia, l’Inter invece giocherà in casa contro il Getafe così come la Juventus che ospiterà il Lione. Come si provvederà dunque? Secondo il quotidiano, oltre allo scenario di un match a porte chiuse, non è nemmeno da scartare una gara a campo neutro all’estero data l’emergenza assoluta.