Nba, LeBron James non ci sta: “A porte chiuse non gioco”

A seguito del Coronavirus, anche lo sport negli USA potrebbe subire cambiamenti, con l’Nba a rischio. Ne ha parlato il campione dei Lakers LeBron James

LeBron james coronavirus nba porte chiuse
Il campione dei Lakers LeBron James dice la sua sulle possibili partite di Nba a porte chiuse (Getty Images)

Con il Coronavirus che continua imperterrito la sua espansione in giro per il globo, tutti i principali Paesi colpiti da questa terribile epidemia stanno cercando, in ogni modo, di correre ai ripari. Le misure cautelari sono moltissime, e diversi eventi che comporterebbero un grande affollamento di persone stanno venendo posticipati o addirittura cancellati. Tra questi anche gli eventi sportivi. In Europa le porte chiuse sono ormai una realtà, a partire dalla Serie A fino ad arrivare alla Champions League. Ma anche negli Stati Uniti il futuro potrebbe essere simile. Il campionato di basket di Nba, infatti, ha già avvisato che potrebbero esser prese misure drastiche, se la situazione non si risolvesse nel breve termine. Ne ha parlato il fuoriclasse dei Lakers LeBron James, esprimendo il suo disappunto.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, 3.916 contagi e 197 morti in Italia: positivo Nicola Zingaretti – DIRETTA

Lebron James: “Impossibile giocare a porte chiuse”

LeBron james milwaukee buck lakers coronavirus
LeBron durante la partita di ieri contro i Milwaukee Bucks (Getty Images)

Al termine della gara di Nba tra i Los Angeles Lakers e i Milwaukee Bucks (vinta dai gialloviola), LeBron James ha parlato della situazione attuale relativa al Coronavirus. La preoccupazione è ovviamente tanta anche Oltreoceano, e le prime misure cautelari verranno prese a breve. Ma, secondo la stella Nba, giocare a porte chiuse le gare del campionato di basket più famoso al mondo sarebbe impossibile: “Non gioco senza il pubblico sugli spalti. Io salgo sul parquet per loro, oltre che per la mia squadra” spiega l’ex Miami Heat e Cleveland Cavaliers, aggiungendo poi che “Impossibile che io giochi senza spettatori. Non siamo in Europa!“.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Usa, sale il bilancio dei casi di Covid-19: 338 contagi e 16 morti