CONDIVIDI

Album nazista fatto interamente con della pelle di uno dei tanti prigionieri dei campi di concentramento. E’ questa la scoperta che sta facendo venire i brividi a milioni di persone in questi minuti. 

Prigioniero campo di concentramento
Prigioniero campo di concentramento (via Getty)

I campi di concentramento sono stati senza dubbio tra le pagine più oscure della storia dell’uomo. Il modo in cui Adolf Hitler ed i suoi gerarchi hanno varato ed attuato la famosa soluzione finale è un qualcosa di inimmaginabile. Lo sterminio lento, continuo e programmato di milioni tra dissidenti, avversari politici, razze ritenute inferiore ed ebrei ovviamente. Un genocidio freddo, che avveniva all’oscuro dei più, in tutta la Polonia e nelle zone controllate dai tedeschi. Enormi recinti pieni di persone senza più anima, cadaveri che sopravvivevano sperando in tempi migliori. Spesso trovandosi a commettere atti terribili, ed a collaborare con i nazisti per la propria sottomissione.

LEGGI ANCHE —> Mamma salvata dal pianto della figlia neonata: il miracolo di Shelly

Album nazista fatto con pelle di prigioniero, scoperta orribile – FOTO

Siena professore Hitler
Hitler © Getty Images

Oggi, riporta il DailyMail, il passato è tornato a bussare la porta con forza. Un uomo, infatti, dopo dei giorni che ha acquistato in un mercato della Polonia dei cimeli legati alla storia della Seconda Guerra Mondiale. Tra questi un’agenda, un vecchio album un po’ rovinato. Dopo un po’ l’uomo, un turista, ha però notato che la copertina dell’album era strana. C’erano dei piccoli peli e un disegno molto particolare. Ha inoltre notato che la pelle con cui era foderato puzzava parecchio. Si è quindi recato al Museo commemorativo di Auschwitz per farlo controllare sospettando qualcosa si orribile, che gli è stato confermato. L’album era foderato di vera pelle umana. Probabilmente doveva appartenere alla collezione privata di Ilse Koch, moglie del comandante del campo di concentramento di Buchenwald, Karl-Otto Koch. Ilse sceglieva dei detenuti che avevano dei tatuaggi e li faceva scuoiare, per poi foderare con la loro pelle particolare lampade, mobili ecc. Quell’album poteva essere l’ennesimo frutto della sua mente perversa.

LEGGI ANCHE —> Le origini della Terra: nuova sensazionale scoperta