Decreto Coronavirus, misure fiscali: scadenza 730 slitta a settembre

Decreto Coronavirus, misure fiscali di emergenza: la scadenza del 730 slitta alla fine di settembre

Decreto Coronavirus
Decreto Coronavirus, misure fiscali: slitta a settembre la scadenza del 730 (Foto: Getty)

Il Coronavirus in Italia sta portando a misure straordinarie per far fronte all’emergenza. Dopo le decisioni in materia di manifestazioni pubbliche e sportive, le conseguenti misure preventive per la salute collettiva (distanza di un metro e igiene delle mani), arrivano anche decisioni in tema fiscale. Venire incontro alle difficoltà di cittadini e aziende è l’imperativo dell’esecutivo per non cadere in una pesantissima recessione. In questo contesto nel Decreto Coronavirus si è deciso di far slittare al 30 settembre 2020 la presentazione del modello unico precompilato del 730. La misura coinvolgerà ben 20 milioni e mezzo di italiani. Otto milioni sono pensionati e oltre dodici lavoratori dipendenti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, chiusura di tutte le scuole fino al 15 marzo

Coronavirus Italia, misure fiscali: scadenza 730 slitta a fine settembre

Dichiarazione 730
Coronavirus Italia, misure fiscali: slitta la scadenza del 730 a settembre (Foto: Facebook)

L’Agenzia delle Entrate, ha comunicato tutte le nuove decisioni che riguardano la fiscalità in questo 2020 di emergenza. Le Certificazioni Uniche slittano ad esempio al 31 marzo, per favorire 4,3 milioni di sostituti d’imposta. Il ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri ha dichiarato proprio quest’oggi: “Ci sarà una proroga, generale nel Paese, dei termini delle trasmissioni di informazioni per le dichiarazioni del 730“, confermando che le misure straordinarie riguarderanno tutte le Regioni d’Italia e non solo quelle della zona rossa colpite dal Coronavirus.

La nuova data per la presentazione del modello 730 è stata dunque fissata al prossimo 30 settembre, anzichè nella solita scadenza del 23 luglio.

Tutto questo dovrebbe favorire sia i lavoratori dipendenti che i datori di lavoro, nell’avere il tempo necessario per la comunicazione all’Agenzia delle Entrate della propria documentazione.

Non una passo definitivo di soluzione ai problemi dell’attuale emergenza, ma di certo una forma di aiuto piuttosto utile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Calcio, Coronavirus: la Serie A riparte ma a porte chiuse